Ti Amo è il nuovo, italianissimo, album dei Phoenix

I quattro ragazzi di Versailles hanno confezionato un disco a base di palme, tramonti e Dolce Vita. Ti Amo, uscito venerdì scorso, è più di un tributo dichiarato all’italo-disco, è un rimpasto a tutto tondo di tradizione e cultura nostrana. Il Festival di Sanremo è il cuore della mondanità, Cattolica è la meta dell’estate e quando si ripensa a Via Veneto – it’s a sin senza te – non può che montare una gran nostalgia. Il sesto lavoro in studio dei Phoenix è un album leggero, immediato che sarebbe potuto uscire a settembre evitando così il cannibalismo delle hit estive e invece esce proprio adesso perchè non c’è periodo dell’anno migliore di questo per abbracciare il luogo comune della spensieratezza e del romanticismo obbligato.

Ascoltandolo è impossibile rimanere impassibili di fronte alla distesa di suoni di plastica e atmosfere disco. Rimangono appiccicate in testa come una Barbara di Enzo Carella o, più coerentemente con il periodo dell’anno, come la sabbia sotto i piedi. Si rimane abbagliati dal luccichio dei sintetizzatori di J-Boy, dalle reminiscenze Daft Punk (Goodbye Soleil), dal ritmo furbo, noto anche ai sassi e ogni volta trascinante di Fleur De Lys e quando si inciampa nella banalità di Telefono (sembra un pezzo del 2005 di qualche boy-band per adolescenti), la si prende con simpatia perchè Ti Amo è soprattutto questo, leggerezza, easy-listening e fronzoli, tanti fronzoli, ovunque. Se non avevate mai pensato che i Phoenix sono prima di tutto, sopra ogni cosa, una band cool con un suono impacchettato molto bene, questo è il momento di prenderne coscienza e fare di questo album la propria, disimpegnata, colonna sonora dell’estate.

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.