“UNA DONNA CHE CONTA” è il nuovo video in capslock di MYSS KETA

UNA VITA IN CAPSLOCK, l’album d’esordio di M¥SS KETA, è stato pubblicato lo scorso 20 aprile per Universal Music Italia e La Tempesta Dischi.

UNA DONNA CHE CONTA è il quarto video estratto dal disco, dopo UNA VITA IN CAPSLOCK, STRESS e BOTOX.

Il video, diretto da Roberto Rovellini e prodotto da Motel Forlanini, è girato in piano sequenza ed è il primo video musicale in Italia ad essere ripreso con la tecnologia Bolt: Motion Control on Tracks. Il Bolt è un braccio robotico programmabile capace di compiere movimenti di macchina molto rapidi e complessi con estrema precisione (negli ultimi tempi è stato usato per la realizzazione di Doctor Strange della Marvel e nel video di Humble di Kendrick Lamar).

Recentemente M¥SS KETA, durante un’intervista sul nuovo governo rilasciata in esclusiva al New York Times, pare abbia rivelato al suo direttore:

SONO UNA DONNA CHE HA SAPUTO DISTRICARSI CON NONCHALANCE TRA MILLE AMORI ED ESPERIENZE AL CONFINE CON LA REALTÀ. SONO UNA DONNA CHE HA VISSUTO A PIENO GLI ANNI IN CUI LA POLITICA NON SI FACEVA TRA I BANCHI IN PARLAMENTO, MA TRA LE LENZUOLA DEGLI ALBERGHI DI LUSSO. SONO UNA DONNA CHE VI RACCONTA I PROPRI SEGRETI SDRAIATA SU UNA CHAISE LONGUE DI LE CORBUSIER, PRIMA CHE VENGANO RACCONTATI DALLA SUADENTE VOCE DI QUALCHE PRESENTATRICE DEL PALINSESTO POMERIDIANO. SONO UNA DONNA CHE SA LASCIARE L’IMPRONTA, UNA DONNA CHE NON TRAMONTA, UNA DONNA CHE MONTA E RIMONTA. È INUTILE DIRLO: SONO UNA DONNA CHE CONTA.


Leggi anche: La vita in Capslock di MYSS KETA, da Porta Venezia a Parigi

— FIN —