in copertina: foto via Twitter @Quirinale

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Alla fine Giuseppe Conte ha davvero ricevuto l’incarico dal presidente Mattarella per formare il nuovo governo. Dopo un’ora e mezza di colloquio al Quirinale, Conte ha parlato di fronte ai cronisti, da un lato rassicurando sulla “collocazione europea” dell’Italia, dall’altro rivendicando i contenuti del “contratto di governo.” (ANSA)

“Mi propongo di essere l’avvocato difensore del popolo italiano.” Se volete riascoltarlo a ripetizione, lo potete fare qui:

Le consultazioni del presidente incaricato cominceranno oggi alla Camera alle 12: già domani Conte potrebbe tornare al Quirinale con la lista dei ministri, per sciogliere la riserva di rito, e andare in Parlamento a chiedere la fiducia già settimana prossima. (Lettera43)

A proposito di ministri, non è ancora chiaro se la Lega riuscirà a vincere le resistenze e imporre il nome di Paolo Savona all’Economia, ma lui nel dubbio si è dimesso dalla presidenza del fondo Euklid per tenersi pronto. (HuffPost)

Conte è e resterà l’uomo di Salvini e Di Maio, ma non per questo dobbiamo aspettarci una lista di ministri pronta in tempi record: sono ancora moltissimi i nodi da sciogliere sulle poltrone, per i due partiti, dal ministero della Difesa a quello degli Esteri, dove Salvini si è speso per fermare l’ascesa di Giampaolo Massolo. (il manifesto)

La nomina da parte di Mattarella è arrivata al termine di una giornata tesissima, con lo spread che corre oltre il picco del gennaio 2017 e dichiarazioni violente da parte dei Di Battista, padre e figlio. (il Sole 24Ore)

Conte regala a Lega e Movimento 5 Stelle una sana dose di scandali — dopo il curriculum gonfiato emerge ora una serie di tasse non pagate nel corso degli anni dal presidente incaricato, 17 mila euro di Iva non pagata, 18 mila euro di mancati versamenti Irpef–Irap, e oltre 6 mila euro non versati alla Cassa nazionale di previdenza forense. Una somma complessiva che ha portato Equitalia nel marzo 2011 a chiedere l’ipoteca sulla casa romana del professore, che ha poi pagato il proprio debito con lo stato. (l’Espresso)

L’incarico a Conte è comunque con qualche riserva più del solito, con Mattarella che quasi intima al prossimo presidente del consiglio: “Ci rivedremo spesso.” (Corriere della Sera)

* * *

Rivediamoci spesso anche noi: abbonati alla newsletter di Hello, World!, costa pochissimo e permette a the Submarine di sopravvivere.

* * *

Mondo

Khamenei si è espresso sulla possibilità di confermare l’accordo nucleare iraniano solo con i paesi europei. La porta non è chiusa, ma Francia, Germania e Regno Unito dovranno accettare una serie di nuove richieste per conservare i termini dell’accordo concordati in precedenza. (Al Jazeera)

Continuano a emergere legami tra gli uomini di Trump e l’Ucraina. L’incontro tra il presidente statunitense e Petro Poroshenko sarebbe stato reso possibile tramite l’avvocato di Trump Michael Cohen, previo pagamento da parte del presidente ucraino di 400 mila dollari. (BBC News)

All’ultimo minuto la Corea del Nord ha confermato l’invito per un gruppo di giornalisti sudcoreani per partecipare, insieme a un gruppo selezionato di giornalisti internazionali, alla chiusura del sito per test nucleari di Punggye-ri. (the Hankyoreh)

La visita di Moon Jae–in negli Stati Uniti ha portato i suoi frutti: gli Stati Uniti non chiederanno più la consegna immediata degli ordigni nucleari alla Corea del Nord, ma si dicono disponibili ad accettare una denuclearizzazione progressiva. (the New York Times)

Il nuovo regolamento della NFL — la lega statunitense di football americano — permette ai giocatori di rimanere negli spogliatoi durante l’inno nazionale, ma non di inginocchiarsi, gesto “ribelle” che aveva scandalizzato la Casa bianca lo scorso anno. (SB Nation)

Un altro ragazzo palestinese, Udat Abuu Khalil, 15 anni, è morto per complicazioni alla ferita infertagli dall’esercito israeliano durante le proteste della scorsa settimana. Khalil aveva ricevuto un colpo allo stomaco. (Middle East Eye)

Yulia Skripal, la figlia dell’ex spia russa avvvelenata a Salisbury lo scorso marzo, ha parlato per la prima volta di fronte alle telecamere — ma sempre da una località segreta a Londra, dov’è ancora sotto sorveglianza. La ragazza ha letto una breve dichiarazione ma non ha risposto a nessuna domanda e non si è sbilanciata sull’attribuzione dell’attentato. (the Guardian)

Internet

Dopo un primo test in Australia e senza aver imparato nulla dallo scandalo Cambridge Analytica Facebook ha annunciato che espanderà il proprio progetto pilota contro il revenge porn in Canada, gli Stati Uniti e il Regno Unito. Come funziona? Voi caricate in un cartella segreta le vostre foto di nudo, e se Facebook vede che qualcun altro le sta ricaricando, le blocca. Se vi fidate di Facebook. (BuzzFeed News)

Domani entra finalmente in vigore la GDPR, il nuovo regolamento sulla privacy online varato dall’Unione europea. Se non avete ancora capito di cosa si tratta nonostante tutte le email di cui siete stati bombardati, qui c’è Chris Foxx della BBC che ve lo spiega. (BBC News / video)

Un giudice federale ha stabilito che Trump non può bloccare gli utenti su Twitter, perché si tratta a tutti gli effetti di una violazione del Primo emendamento, che tutela la libertà di espressione. (Ars Technica)

Italia

C’è stato un grave incidente ferroviario ieri notte fra Torino e Ivrea: un treno ha investito un tir fermo sui binari a un passaggio a livello, deragliando. Sono rimasti uccisi il macchinista e un addetto alla scorta tecnica del tir, mentre i feriti sono una ventina. Sul treno per fortuna c’erano pochi passeggeri. (la Repubblica Torino)

La nuova app italiana per la burocrazia sembra un sogno — sempre che funzioni davvero. (Motherboard)

Cult

Le Tesla M avevano problemi ai freni, e quando giornalisti hanno riportato la notizia Elon Musk ha deciso che il giornalismo è cattivo, suggerendo che forse dovrebbe lanciare un sito internet su cui si possano “recensire” i reporter. (TechCrunch)

Molto bene: la chiesa anglicana offre ai fedeli di utilizzare Alexa per pregare. L’assistente virtuale di Amazon può leggere le preghiere del giorno, recitare i dieci comandamenti, e rispondere a domande semplici, come “Chi è Dio?” (BBC News)

“Alla fine, il lavoro consiste nel morire.” Bernard Avishai racconta la sua amicizia con Philip Roth. (the New Yorker)

I produttori di pesticidi e erbicidi non hanno molti rivali da temere, ma la situazione potrebbe cambiare grazie a questi robot che distruggono le erbacce governati dall’intelligenza artificiale. (MIT Technology Review)

La Casa di carta sta diventando il nuovo V per Vendetta e forse è ora di smetterla. (VICE)

Animali

Gli unici muri che ci piacciono: in Australia è stata completata la recinzione più lunga del mondo, a prova di felini selvatici, per proteggere i marsupiali a rischio di estinzione. (the Guardian)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —