in copertina: foto via Twitter via @elliecohanim

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Oggi si inaugura la nuova ambasciata statunitense in Israele, a Gerusalemme. Per i cittadini palestinesi della città l’apertura non è stata una sorpresa, ma fissa l’occupazione israeliana di Gerusalemme Est come sostanzialmente irreversibile. (Al Jazeera)

Secondo il leader di al–Qaeda al-Zawahiri, comparso in un video di cinque minuti sull’argomento, l’apertura dell’ambasciata segna la necessità di “impegnarsi nella jihad” contro gli Stati Uniti. (Middle East Eye)

Con l’espandersi dell’occupazione israeliana, la mappa di Gerusalemme si fa ogni anno più complessa. Se avete bisogno di chiarirvi le idee sulla situazione, partite da questo explainer di Larry Kaplow e Greg Myre. (NPR)

L’occupazione della città è entrata ufficialmente nelle ultime fasi, con le autorità israeliane che non discutono più circa il controllo del territorio, ma parlano direttamente di investimenti per “l’integrazione” dei cittadini arabi della città. In occasione del Jerusalem Day il governo ha celebrato la “riunificazione” della città con un pacchetto da 2 miliardi di dollari per lo sviluppo urbano delle aree arabe della città. (i24)

La “preghiera di apertura” dell’ambasciata sarà a cura del pastore Robert Jeffress, trumpiano oltranzista, uno secondo cui la soluzione dei due stati sarebbe contraria al “volere di Dio.” (Right Wing Watch)

Quando Trump ha annunciato lo spostamento dell’ambasciata la decisione fu accolta con scandalo, ma si trattava solo di un primo passo verso una posizione estremamente politicizzata sulla questione israelo-palestinese: il pieno riconoscimento di Gerusalemme come capitale politica di Israele. Una presa di posizione che impedirà agli Stati Uniti di tornare a rivestire un ruolo di “giudice imparziale” del conflitto. (CNN)

Nel frattempo, però, alle elezioni municipali del prossimo ottobre parteciperanno per la prima volta dopo 50 anni di boicottaggio anche candidati palestinesi di Gerusalemme Est: non è un modo per accettare l’occupazione israeliana, fanno sapere gli attivisti, ma per cercare di avere un potere contrattuale maggiore sul governo della città. (Bloomberg)

Un editoriale di Atef Abu Saif sul Guardian descrive le difficoltà della popolazione palestinese, che “non vuole in nessun modo negare israele, ma solo poter costruire il proprio futuro.” (the Guardian)

* * *

Ti va di offrirci un caffè? Abbonarsi alla newsletter di Hello, World! costa solo 3 euro, ma per noi significa moltissimo.

* * *

Mondo

Un nuovo attacco terrorista a Surabaya, Indonesia, questa volta contro una stazione di polizia, ha ucciso una persona e ferite altre dieci. Il presidente Joko Widodo ha annunciato una nuova legge anti-terrorismo per ostacolare l’insorgenza delle formazioni jihadiste nel paese. (the Guardian)

Anche il Regno Unito ha accettato di diventare una tappa del tour di simpatia internazionale di Erdogan. Per il Regno Unito la partnership con la Turchia, all’indomani della Brexit, non è sacrificabile. Le elezioni nel paese sono previste per il 24 giugno. (Al–Araby Al–Jadeed)

Qual è il piano dell’amministrazione Trump per l’incontro con Kim Jong–un? Andare al summit e vedere se scocca la scintilla, ha commentato il consigliere sulla sicurezza nazionale John Bolton. (New York Magazine)

L’attitudine degli Stati Uniti preoccupa molto la Casa blu, la residenza presidenziale sudcoreana, che sta lavorando non–stop per mediare un accordo con Cina e Stati Uniti per dichiarare definitivamente conclusa la guerra tra le due Coree. (the Hankyoreh)

Ma perché gli Stati Uniti sono a favore di un accordo con la Corea del Nord che sarebbe estremamente simile a quello con l’Iran, appena stracciato? Tanto per iniziare, perché la lista di paesi del Medio Oriente avversari dell’Iran con materiale compromettente sull’entourage del presidente si fa più lunga ogni settimana. Nuove rivelazioni indicano che anche il Qatar avrebbe materiale compromettente su Jared Kushner. (Haaretz)

Il piano consigliato da Ezra Cohen-Watnick, ex consigliere di Michael Flynn, per risolvere il problema dei continui leak dalla Casa bianca? Spiare tutte le comunicazioni di tutto lo staff del presidente. (the Daily Beast)

I primi risultati delle elezioni irachene mostrano il vantaggio delle due principali liste sciite, quella guidata dal presidente uscente al-Abadi e quella dell’influente imam Muqtada al-Sadr. (Al Jazeera)

Continuano a mietere vittime le tempeste di polvere particolarmente violente che stanno investendo il nord dell’India. Tra ieri e oggi almeno 39 persone hanno perso la vita, e le condizioni meteorologiche sembrano peggiorare. (BBC News)

Un documento rivelato ieri dal quotidiano Le Parisien ha riportato al centro del dibattito un progetto di privatizzazione “nascosta” dell’azienda dei trasporti ferroviari francese SNCF. Il governo, duramente contestato per la riforma dell’azienda, ha sempre negato che l’obiettivo fosse la privatizzazione. (le Monde)

Ehi, cosa ci fanno questi cristalli di metanfetamine in un bagno del ministero dell’interno britannico? (the Independent)

Internet

Il tour pro-privacy (o anti Google e Facebook) di Tim Cook continua con il suo discorso ai neolaureati alla Duke University. “Dobbiamo rigettare l’idea che per ottenere il massimo dalla tecnologia dobbiamo sacrificare il nostro diritto alla privacy.” (Fortune)

Italia

Dopo due giorni di trattative non-stop a Milano, Salvini e Di Maio sarebbero pronti a fare il nome del proprio presidente del Consiglio a Mattarella “nel giro di ore.” Ma ancora nulla di certo è trapelato, e a seconda del giornale che leggete l’accordo sembra vicinissimo o lontano anni luce. (HuffPost)

Un grave incidente sul lavoro si è verificato ieri mattina a Padova, in un’acciaieria: due operai, colpiti da un getto di acciaio fuso, sono ricoverati con gravissime ustioni su tutto il corpo; un terzo operaio presenta ustioni al 70%, meno grave un quarto. “In nessun caso si può parlare di fatalità,” ha commentato la Fiom. (la Repubblica)

361 lavoratori di Fedex e TNT in tutta Italia rischiano il posto di lavoro per un piano di riorganizzazione aziendale in seguito alla fusione dei due gruppi. Secondo i sindacati, si tratta di un “mero taglio lineare dei costi del lavoro,” dato che le due multinazionali hanno i conti in positivo. (Milano Today)

Il Salone del Libro di Torino si chiude oggi con un bilancio più che positivo: l’affluenza è stata enorme, al punto che sabato è stato necessario chiudere le biglietterie in anticipo perché si era raggiunta la capienza massima. (ANSA / il Post)

Cult

Non c’è mai fine alle operazioni nostalgia: Nintendo riporterà di nuovo nei negozi la propria classica console NES. (the Verge)

L’IKEA è un luogo di violenza. (DW)

Tra battaglie contro i selfie e bracci di ferro con Netflix, il festival di Cannes si muove a metà fra una posizione antistorica e l’esigenza di sopravvivenza. (Rivista Studio)

In Svezia ormai gira pochissimo denaro contante, e quindi i rapinatori sono costretti a reinventarsi: per esempio, rubando esemplari di specie protette come i gufi. (the Atlantic)

Gif di BBC

Animali

Una spedizione di due settimane nelle profondità oceaniche al largo di Singapore ha portato alla luce almeno 12 specie di granchi, gamberi e aragoste fino ad oggi sconosciute. (Channel News Asia)

A quanto pare, gli squali preferiscono il jazz alla musica classica. Bravi, squali. (la Repubblica)

* * *

Gif dello zoo di San Diego

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi