Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Sul voto per l’elezione del presidente del Senato si è rotta la coalizione di destra. Senza nessun preavviso, alla seconda votazione la Lega di Salvini non ha votato scheda bianca — com’era d’accordo, per poi convergere oggi su Paolo Romani — ma un’altra senatrice di Forza Italia, Anna Maria Bernini. Secondo Berlusconi è stato “un atto di ostilità.” (il manifesto)

Bernini si è ritirata subito dalla corsa, mentre il Movimento 5 Stelle dava la propria disponibilità ad appoggiarla. (la Repubblica)

Breve ripassino: Anna Maria Bernini, chi? (la Repubblica)

Salvini ha rifiutato le accuse di tradimento: “Io mi sono mosso dentro il perimetro del centrodestra e non mi muovo di un millimetro da un nome di Forza Italia, mica sto battagliando per un candidato della Lega.” Sarebbe Forza Italia, dice Salvini, a volere a tutti i costi “l’inciucio” col Partito democratico. (la Stampa)

In serata Giorgia Meloni ha lanciato un “ultimo appello” agli alleati, invitando tutti a fare un passo indietro per evitare l’effetto “liberi tutti.” Fratelli d’Italia ha anche chiesto di rinviare il nuovo round di votazioni a oggi pomeriggio. (Dire)

Ma a quanto sembra la terza votazione inizierà al Senato regolarmente alle 10.30, e non è chiaro su quale nome convergerà ora la Lega, da sottoporre ai Cinque Stelle: le ipotesi che circolano sono Bongiorno e Bergonzoni. (HuffPost)

Alla Camera il Movimento 5 Stelle ha proposto invece Riccardo Fraccaro, trentino dell’era dei meetup il cui nome era già stato adombrato tra i possibili ministri di un governo Di Maio. (Corriere della Sera)

Ma veniamo alle cose importanti: oltre al murale raffigurante il bacio tra Salvini e Di Maio — evidentemente profetico — ieri mattina ne è apparso un altro, che ritraeva Giorgia Meloni con in braccio un bambino nero. Anche questo è stato coperto in tempo record. (il Messaggero)

È stato anche l’esordio da semplice “senatore di Scandicci” di Matteo Renzi, che ha promesso di stare zitto per due anni. (Questa segnatevela.) (ANSA)

* * *

Nella newsletter di Hello, World! ci sono link extra e molta più simpatia: clicca qui per abbonarti.

* * *

Trèbes

Ieri mattina un ventiseienne di origini marocchine ha preso alcuni ostaggi in un supermercato a Trèbes, nel Sud della Francia, dopo aver aperto il fuoco contro dei poliziotti a Carcassonne. L’attentato, rivendicato dall’ISIS, aveva lo scopo di ottenere la liberazione di Salah Abdelslam, l’unico sopravvissuto tra gli attentatori di Parigi nel 2015, a processo a Bruxelles. L’attentatore è stato poi ucciso dalla polizia, tre le sue vittime, una quindicina i feriti. (the Local France)

A cadere sotto i suoi colpi sono stati un commesso del supermercato, un cliente, e un passante a cui l’attentatore aveva rubato l’auto poco prima. (le Parisien)

È morto poco dopo, per le ferite riportate, anche Arnauld Beltrame, il poliziotto che aveva accettato di scambiare se stesso con l’ultimo ostaggio civile dell’attentatore. (France24)

Radouane Lakdim — questo il nome del ventiseienne — era noto alle autorità per fatti di criminalità minore, e secondo il ministro dell’Interno Collomb sarebbe passato all’azione all’improvviso, “senza radicalizzazione apparente.” (Liberation)

Mondo

Sono più di 600 i migranti imprigionati nella capitale temporanea di Aden, Libia. Secondo le testimonianze raccolte da Al–Araby Al-Jadeed, ai migranti è a stento dato da mangiare.

Dopo mesi di preannunci, la Casa bianca ha annunciato formalmente la messa al bando delle persone transgender dalle forze armate. (the Guardian)

Ma si tratta di una misura chiaramente incostituzionale. (Slate)

La Cina ha risposto alle imposte di Donald Trump: ma solo con altre tariffe, e senza nemmeno sollevare grandi lamentele. Come mai? (the New York Times)

Il Senato statunitense aveva approvato un budget emergenziale — sì, di nuovo — per evitare un altro shutdown del governo, ma Trump sta pensando di imporre il veto, perché non ci sono i soldi per il muro con il Messico. (the Washington Post)

Si terrà oggi a Washington, D.C. la “March for Our Lives,” la prima manifestazione nazionale del neonato movimento giovanile per il controllo sulla vendita e sul possesso di armi da fuoco. Lisa Ryan ha raccolto le apparizioni recenti sui media di Emma González e gli altri sopravvissuti di Parkland, che stanno guidando un movimento apparso dal nulla. (the Cut)

Gif di OkCupid.

Una nuova mappa di Al Jazeera aiuta a mettere a fuoco la situazione della guerra in Siria, in corso ormai da sette anni. (Al Jazeera)

Storie dall’Uganda: da Akidele a Kampala, Carlotta Passerini racconta cosa vuol dire vivere in uno dei paesi meno “narrati” dell’Africa equatoriale. Sono online le prime tre puntate.

Il prossimo summit tra Coree si terrà giovedì prossimo in vista dell’incontro formale tra il presidente sudcoreano Moon e Kim Jong-un, previsto per fine aprile. (the Korea Herald)

Una scuola di Harrisburg, Pennsylvania, ha messo a disposizione di tutte le proprie classi un secchio pieno di sassi da usare per difendersi in caso di sparatoria. Siamo sicuri andrà a finire bene. (Reuters)

Internet

Facebook ha un altro problema, all’indomani degli scandali di Cambridge Analytica: convincere i propri migliori dipendenti a non lasciare l’azienda, e trovare nuovo talento che voglia lavorare per loro. (the New York Times)

Il comitato politico di John Bolton, il nuovo consigliere alla Sicurezza Nazionale di Trump, ha firmato un contratto per analisi dati con Cambridge Analytica dall’agosto 2014. (the New York Times)

Lo scandalo Cambridge Analytica inizia inevitabilmente ad allargarsi. Il Ministro della Difesa britannico ha sotto contratto per campagne anti-estremismo un’agenzia di proprietà della stessa compagnia di CA. (Middle East Eye)

Elon Musk si è unito alla campagna #DeleteFacebook nascondendo le pagine di Tesla e Space X. La cosa divertente è che a quanto pare non sapeva di averle. (Engadget)

Non solo Facebook: anche Tumblr ha smascherato 84 account fasulli che sarebbero stati utilizzati da un opaco gruppo russo per diffondere notizie false nel 2016. (the Guardian)

Italia

9 febbraio. Destinity, 31 anni, incinta e gravemente malata per un linfoma al petto, è stata respinta dalle autorità francesi mentre cercava di attraversare il confine a Bardonecchia insieme al marito, per raggiungere la sorella in Francia. Ieri la donna è morta di parto, lontano dal resto della sua famiglia. Secondo i soccorritori “le autorità francesi sembrano aver dimenticato l’umanità.” (la Repubblica Torino)

Il Sud ha votato il Movimento 5 Stelle per il reddito di cittadinanza? I dati suggeriscono un quadro un po’ diverso. (Internazionale)

Roghi di rifiuti

C’è stata un’altra ondata di roghi in discariche e impianti di trattamento rifiuti.

Il 19 marzo a Novacchio (Pisa) la Procura locale ha posto sotto sequestro uno stabile dove un’enorme quantità di rifiuti era ammassata senza autorizzazione. Dalle indagini emergono contatti tra il proprietario dello stabile e il prestanome di una società di trattamento rifiuti in contatto con quasi cento aziende cinesi dell’area pratese. (il Tirreno)

Il 20 marzo decine di cittadini di Andria (Barletta-Andria-Trani) hanno denunciato un odore nauseabondo probabilmente connesso a qualche sversamento illecito di rifiuti, soprattutto alla luce degli incendi che si sono verificati in città qualche settimana fa. (Video Andria / the Submarine)

A Roma nel giro di qualche mese centinaia di cassonetti urbani sono stati dati alle fiamme. Secondo la sindaca Raggi potrebbe trattarsi di un’intimidazione. (Fanpage)

La notte del 20 marzo ignoti hanno appiccato fuoco a decine di cassonetti urbani a Bari, Campobasso e Reggio Calabria. (Borderline24 / Termoli online / Il Quotidiano del Sud)

Il 22 marzo a Santa Maria di Licodia (Catania) qualcuno ha dato alle fiamme diversi cumuli di rifiuti gettati in un fossato appositamente scavato. (Meridione News)

Il 22 marzo a Borgaretto (Torino) un incendio ha divorato una baracca piena di gomme e altri rifiuti nella zona degli orti urbani. (Cronaca Torino)

Ieri i carabinieri del NOE di Caserta hanno sequestrato tre aziende che bruciavano rifiuti a ridosso dei campi da pascolo.
(Otto pagine)

Sempre ieri, a Collegno (Torino) un camion della raccolta rifiuti ha preso improvvisamente fuoco mentre si trovava nell’autolavaggio. Ancora ignote le cause dell’incendio. (Torino Today)

Ad oggi, i roghi di rifiuti verificatisi a partire da inizio 2018 sono circa quaranta, quasi uno ogni due giorni. Stiamo cercando di tenerne traccia in Hello, World, e ne abbiamo parlato più diffusamente qui.

Cult

Fin troppo—le opere astratte di Andy Bauch, realizzate con i Lego ovviamente, sono generate da un algoritmo: ognuna nasconde dietro i propri pattern il codice per accedere a portafogli virtuali da migliaia di dollari in criptomonete. (Gizmodo)

“Sono morto. Peccato, perché è bella la vita.” Un bel necrologio. (il Post)

Isle of Dogs è il terzo capitolo ideale della “trilogia della rivolta” di Wes Anderson, iniziata con Moonrise Kingdom. E il bersaglio qui è chiaramente la follia della politica statunitense. (the New Yorker)

Desiderare un ritorno al passato equivale a negare la giovinezza: il corsivo della settimana di Elena Ferrante sul Guardian.

Milano

Milano sarà tra le sei città in cui la polizia avrà in dotazione il taser in via sperimentale. (Milano Today)

Cucina

Ma gli hot dog si possono davvero considerare panini? Sì, e lo dice anche Ruth Bader Ginsburg, giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti. (the Kitchn)

Buone idee per il weekend: preparare il pollo arrosto con l’asciugacapelli. (the New Yorker)

Musica

La nostra intervista a Frah Quintale, che ieri ha fatto sold out al Magnolia. (Facebook)

***

Gif di Chloe x Halle.

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi