Perché Milano è tappezzata di capezzoli?

Da qualche giorno i muri di Milano hanno iniziato a sfoggiare capezzoli di ogni tipo, tette grandi o piccole, appiccicate sui muri dei quartieri del centro su foto 30×30, affiancate dall’hashtag #feelthenipple.

Le reazioni dei passanti sono state varie: c’è chi fotografa e riposta seguendo l’hashtag, c’è chi passa dritto, c’è chi sorride e chi strappa via la foto infastidito.

Ho contattato le ragazze che portano avanti questo progetto per approfondire il messaggio che vogliono mandare e perché.

Per rispettare l’identità di gruppo e la privacy delle ragazze verranno usate iniziali di fantasia.

+13 -13 #capezzoli a #milano #feelthenipple

A post shared by Matrice22 (@matrice22.1) on

* * *

Ciao! Chi siete e come è nato il vostro progetto?

S: Quest’estate ho pensato “sarebbe bello riempire Milano di capezzoli” e l’idea era rimasta lì.

Poi ne ho parlato con un gruppo di persone e abbiamo iniziato a farlo davvero.  

Mi sono scontrata con la censura di Instagram in prima persona perché sono fotografa e ultimamente scatto molti nudi, quindi sento il tema particolarmente vicino.

A: Nella sua testa non è partito in modo razionale, ma poi quando ce ne ha parlato ci è sembrata una cosa che poteva funzionare sia su Instagram che sui muri e toccava una serie di punti che ci interessavano e quindi siamo partite.

7

Punti quali la censura sui social network. Ma quindi nasce come progetto artistico o contro la censura di Instagram o entrambe le cose?

A: Probabilmente entrambe le cose: è sì una progetto contro la censura dei social ma anche contro una censura in senso più ampio — per questo ci interessa attaccarli sui muri e non semplicemente pubblicare le foto su Instagram.

S: Ci sono un sacco di profili Instagram riconosciuti di personaggi pubblici contro la censura del corpo femminile, come a naked girl.

A: Per noi non è solo una censura virtuale, digitale…

S: e ne è stata dimostrazione il fatto che la gente si è messa a grattare via proprio solo il capezzolo dalle foto che abbiamo attaccato ai muri di Milano: allora non stiamo solo parlando di Instagram che ha un problema con i capezzoli, ma si tratta di un problema diffuso.

A: Il problema della relazione con la nudità in generale c’è anche al di fuori dei social network, e a noi interessano entrambe le cose sia a livello di censura virtuale sia reale.

Infatti è stato fin da subito importante per noi avere queste due facce: una digitale e una assolutamente fisica che inizia proprio dallo stampare le foto.

Come funziona la catena di montaggio?

A: A seconda delle disponibilità cerchiamo di essere minimo 4 persone ma ci è capitato anche di essere solo 2 a volte, scegliamo la zona, la studiamo e usciamo dalle 2 di notte in poi. In totale siamo una decina.

Rischiando di essere scambiate per militanti di CasaPound

A: Eh sì, è stato un nostro timore. le zone dove attaccarli sono quelle, quindi a volte arriviamo che la colla di altri è ancora fresca e non ci si becca per poco.

4

Che zone avete coperto?

S: Abbiamo iniziato dalla zona che va da Porta Venezia a Repubblica e, personalmente sono rimasta delusa perché nessuno ha reagito e molte foto sono state staccate.

A: Poi abbiamo fatto Isola che ha reagito immediatamente: ci hanno taggato in molti nel giro di poche ore, ma alle foto appese sul muro accanto al Frida è successa una cosa stranissima: sono stati grattati via solo i capezzoli, qualcuno ci ha chiesto se siamo state noi apposta.

Molte foto sono state strappate e buttate per terra e vedendole puoi facilmente immaginare il fastidio e la rabbia delle persone.6

È interessante vedere come cambiano le reazioni nelle varie zone.

S: Sì, la reazione dipende molto dalle zone e da chi le vive: una zona come Porta Venezia ha una minore presenza di giovani, mentre in Isola ce ne sono di più. Per analizzare la meglio le varie reazioni vogliamo iniziare a fare dei video, con lunghi appostamenti e camera fissa.

Mi è successo di vedere una ragazza dire al telefono con sua madre “Mamma, aspetta un attimo, che devo fare la foto a dei capezzoli su un muro — no, non hai capito, capezzoli su tutta la via… sì, mamma, CAPEZZOLI” e ha messo in attesa la madre per fare le foto.

Invece in Porta Venezia c’era un vecchietto fuori dal suo negozio mentre facevamo le foto e gli abbiamo detto “Ha visto cos’hanno fatto?” e lui “Sì sì, non so chi sia stato però sono carini.”

4-1

L’obiettivo è quello di coprire tutta la città?

S: Sì, ora dobbiamo finire Porta Genova, poi riempiremo anche tutte le università.

L’obiettivo è coprire tutte le zone ma visto che la gente strappa le foto, non sarà mai una copertura generale.

Ora continuiamo finché non finiamo le stampe, poi vedremo.

A: Abbiamo anche un piccolo gruppo che sta iniziando a Bologna, poi l’idea è di diffondere il progetto anche in altre città. Sarebbe bello prendesse piede senza dover andare noi in trasferta, vogliamo che venga accolto dalle altre città e da chi quelle città le conosce.

Comunque troverete le foto lungo il percorso del corteo dell’8 marzo!

Mi sembra che in generale state avendo un seguito abbastanza consistente per un progetto nato da poco. È anche raro che dopo aver visto una cosa che l’ha colpito, il passante scatti una foto, cerchi l’hashtag e vada a vedere la pagina: sono tre passaggi e non tutti li fanno. Dall’altro lato possono funzionare da filtro e al vostro account ci arriva solo chi è interessato.

S: Sì, alcuni vedono le foto e passano dritti…

A: Altri postano le foto ma non ci taggano: è interessante vedere quanto approfondiscono e chi lo fa. Volevamo che questo progetto fosse vissuto proprio dalla gente per strada…

S: Al di là di Instagram, lo vedi proprio per strada, la reazione è tangibile, che sia una reazione positiva o negativa, è reale.

A: C’è gente che si porta a casa le stampe, poi le fotografano e ci taggano.

3

Sarebbe interessante vedere anche la reazione di chi è infastidito o scandalizzato.

A: Per questo vogliamo fare i video, con lunghi appostamenti.

S: Su Instagram per ora non abbiamo avuto commenti negativi.

Qualcuno vi ha contattate?

A: Molti utenti singoli che hanno fatto le foto ai muri in giro per Milano e a cui erano state censurate, ci hanno contattate per chiederci come dovevano muoversi. Una ragazza su Instagram ha avuto un’idea grafica molto bella e creativa per evitare la censura. Questa è esattamente la reazione reale che volevamo.

E su Instagram invece quanto ci hanno messo a censurarvi?

S: Ci hanno bloccato il profilo dopo neanche 12 ore. Ne abbiamo creato un secondo, infatti questo si chiama Matrice22.2

A: L’abbiamo creato venerdì scorso e il giorno dopo ci siamo svegliate e non potevamo più accedere. Ci avevano già censurato due foto prima di chiuderlo quindi ce lo aspettavamo, e tutto sommato era anche un traguardo, però il lavoro che avevamo fatto è stato cancellato e abbiamo perso i 150 follower in una notte — e se perdi un giorno di pubblicazioni su Instagram vieni penalizzato dall’algoritmo, ma abbiamo ricominciato. Anche con le affissioni viene premiata la costanza, come sui social: ci siamo rese conto che della fatica che facciamo per attaccarli, poi il giorno dopo non resta nessuna traccia, allora lo rifacciamo la notte dopo, e poi di nuovo.

2

Il formato 30×30 l’avete scelto per riprendere quello di Instagram o per altro motivo?

A: Cercavamo un formato che potesse funzionare per tutte le forme del seno—

S: rotondo era didascalico e esteticamente brutto—

A: di fatto è un formato unico per tutte le tette che una diversa dall’altra si adattano tutte in modo altrettanti diverso al formato: questo è simbolicamente un messaggio perfetto…

S: perché noi non abbiamo cambiato le dimensioni, quello è lo spazio per tutti infatti se guardi ci entrano in maniera diversa.

5

Di chi sono le foto e chi sono i soggetti?

S: Le foto le ho scattate io ma essendo molto imprecisa avevo bisogno di lei — anche qui si tratta di un lavoro collettivo.

A: I soggetti sono 35, tra conoscenti, amici, amici di amici, ma anche solo sconosciuti portati da conoscenti nei giorni di shooting.

S: Fare le foto per me è stato bellissimo: vedere come si comportavano le ragazze, tra chi si vergognava, chi era a suo agio, chi si toglieva il pelo e chi “no a me piace il mio pelo” — mi è piaciuto molto.

Quindi tirando un po’ le somme qual è il messaggio che volete mandare?

A: In generale possiamo parlare di una sorta di “controcensura,” che procede su due binari che si incontrano: da un lato contro la totale discriminazione della nudità in generale sui social e più specificamente del corpo femminile. Che poi è un paradosso: il corpo maschile non viene censurato, così come non viene censurato il capezzolo maschile.

Our satisfaction with and control over our bodies and sexuality is paramount. ⛰

A post shared by Genderless Nipples (@genderless_nipples) on

S:  È proprio la tetta allora che non va bene? È un oggetto di desiderio, OK, ma è anche tante altre cose.

A: Oltre alla natura digitale ci interessa anche la componente più reale e tangibile della censura del corpo femminile, che si lega a un aspetto prettamente fisico: uscire la notte, fare la colla e sporcarsi, bruciarsi con la soda caustica, fare i pali — in un processo creativo che non finisce mai: dallo scatto alla stampa, dall’attaccarlo ai muri al riattaccarlo dopo che te lo strappano.

Non vi sembra un altro paradosso che in un paese come il nostro in cui in determinati contesti la donna viene esposta in perizoma come un trofeo — mi vengono in mente una decina di programmi tv italiani — il capezzolo venga considerato offensivo? Che sia per strada, che sia su Instagram.

S: C’è un sottile limite tra cosa è ammesso e cosa no al corpo femminile.

A: Per come la vediamo noi anche quella è un tipo di censura perché è un modo di presentare, di impacchettare una merce, eliminando dettagli, postproducendo e togliendo personalità al soggetto.

* * *

L’idea che si sono fatte le ragazze nel cercare di aggirare l’attività censoria di Instagram è che è inutile studiarne i meccanismi perché la censura interviene in modo casuale: sono state censurate foto di vario tipo. Infatti, i censori di Instagram intervengono sia contro quegli scatti che violano le condizioni generali del social — che recitano “Ci riserviamo il diritto di modificare o interrompere l’erogazione dei Servizi o l’accesso ai Servizi per qualunque motivo, senza preavviso, in qualunque momento e senza alcuna responsabilità nei confronti dell’utente.” sia quando ricevono le segnalazioni.

La stessa cosa sosteneva la ex modella di Playboy Elle Johnson a cui è stato censurato il profilo per alcune foto troppo sexy, mentre per esempio l’effetto vedo-non-vedo dei top della collezione Ferragni è ammesso.

Contro la censura di Instagram l’anno scorso è uscito Pics or It Didn’t Happen: Images banned From Instagram, una raccolta di centinaia di immagini bannate da Instagram a cura di Molly Soda e Arvida Byström che ha dichiarato: “Molti media vogliono rendere il volto del femminismo conforme agli standard di bellezza, o bello abbastanza da essere in una rivista di moda – questo è un problema. Non abbiamo bisogno di una faccia del femminismo perché il femminismo non ha faccia.”

La raccolta è interessante da sfogliare anche per vedere quanto la censura venga applicata in modo arbitrario giustificando la rimozione di una foto (senza indicare quale) sostenendo che violi le condizioni generali del social — ma nessuno spiegherà all’utente mai veramente perché, come è successo per questa foto misteriosamente bannata.

Comunque il problema della censura del corpo femminile è molto diffuso e non solo sui social — per esempio Google Drive mi ha modificato “capezzolo” con “capezzale” e “tette” con “rette” ogni volta durante la stesura di questo articolo.


Per ricevere tutte le notizie da The Submarine, metti Mi piace su Facebook, e iscriviti al nostro gruppo.

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi