Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Il primo Stato dell’Unione di Trump è stato “un discorso pericolosissimo,” secondo Yascha Mounk. È stato un discorso sottilmente razzista, di un autoritarismo pettinato, di un “bannonismo senza la passione per lo shock di Bannon.” (Slate)

E questo autoritarismo più composto è proprio quello che il partito repubblicano cercava, apparso per la prima volta davvero compatto alle spalle del presidente, e probabilmente blindandone la presidenza fino al 2021, scrivono Dylan Matthews e Dara Lind nell’immancabile “winners & losers” di Vox.

Ma tutti i punti salienti del discorso, dalla necessità di riforma sanitaria ai prossimi passi della deregolamentazione selvaggia, segnano soltanto le promesse infrante e i fallimenti del primo anno del presidente arancione. (Salon)

Malgrado l’assenza di “fuoco e furia” dal discorso, la presidenza Trump non ha fatto mezzo passo indietro sulle proprie posizioni retrograde in ambito si immigrazione. (Mother Jones)

Mondo

Mentre in patria continua la burrasca causata dalle rivelazioni di BuzzFeed News, è previsto per oggi l’arrivo di Theresa May in Cina per una tre giorni diplomatica durante la quale incontrerà anche studenti e imprenditori. (BBC)

Secondo un’esclusiva di Stephanie Kirchgaessner per il Guardian, l’FBI starebbe valutando un secondo dossier sui rapporti tra Trump e Russia. (the Guardian)

L’impasse catalana è ancora senza uscita: il presidente del parlamento, Roger Torrent (nome più bello del mondo), ha rinviato a data da destinarsi l’investitura di Carles Puigdemont. (El Paìs)

Ma esiste un piano B? Il partito dell’ex governatore della Generalitat si rifiuta di prenderlo in considerazione, ma è probabile che Puigdemont sarà costretto a farsi da parte. (la Vanguardia, in spagnolo)

Dai calciatori ai concerti, in Africa la propaganda anti-migrazione voluta dall’Unione Europea è tamburellante ed estremamente offensiva. Il blocco spende un milione di euro all’anno in campagne “sui rischi dell’emigrazione illegale” in tutto il continente africano. (Al Jazeera)

Alla fine la “cattiva interfaccia” dell’allarme missilistico ad Hawaii era un capro espiatorio: per qualche momento c’è stato davvero un dipendente dell’agenzia alle emergenze che credeva fosse in arrivo un attacco missilistico. (the Washington Post)

Per la prima volta, un responsabile degli interrogatori della polizia segreta israeliana, la Shin Bet, sarà investigato con l’accusa di tortura. (Al Jazeera)

Il futuro è il micromanagement: nuove ricostruzioni vogliono che Putin abbia sorvegliato personalmente i casi di doping che sono costati al paese l’espulsione dai giochi Olimpici. (The Moscow Times)

Prove generali di fronte (chiuso) comune tra Sebastian Kurz e Viktor Orban. (DW)

L’incandidabilità dell’attivista ventunenne Agnes Chow è un duro colpo per la politica giovanile e pro-democrazia di Hong Kong. (South China Morning Post)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter, per 3€ al mese o 20€ all’anno. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Migrazioni

Ieri mattina sono arrivati a Fiumicino da Beirut 31 profughi siriani, ma il sistema dei corridoi umanitari, gestiti dalla Comunità di Sant’Egidio e dalla chiesa valdese, si sta diffondendo anche in altre città europee. (Avvenire)

Italia

Come prevedibile, ma non senza spezzare qualche cuore, Romano Prodi ha dichiarato che voterà Partito democratico alle prossime elezioni. (il manifesto)

Tra i candidati del Movimento 5 Stelle al Senato c’è Emanuele Dessì, secondo in lista nel proporzionale a Latina, quindi con ottime possibilità di essere eletto, che su internet prima di fare il politico si vantava di “aver dovuto di nuovo menare un romeno.” (la Stampa)

Milano

Dopo cinque anni di ricorsi e bracci di ferro con i professori, il Consiglio di Stato ha imposto un nuovo stop alle aspirazioni internazionali del Politecnico: i corsi non potranno essere soltanto in inglese. (Corriere della Sera)

Milano e l’Italia spingono per un ricorso contro l’Olanda per la questione Agenzia europea del farmaco. (Milano Today)

Lo facciamo con la nostra consueta eleganza:

Ma è davvero possibile ribaltare il risultato dell’assegnazione? Probabilmente no. (la Stampa, con paywall)

Questioni di genere

Con l’accusa da parte della procuratrice Seo ji-hyeon nei confronti di un ex ministro della giustizia, si apre anche in Corea del Sud il movimento #MeToo. (Quartz)

Cult

Piani per le vacanze: a Williamson, Virginia, un paesino di 2900 anime, sono arrivate per sbaglio 20,8 milioni pastiglie di antidolorifici oppiacei. Qualcosa dovranno ben farsene. (Charleston Gazette–Mail)

Basta preoccuparsi per gli abbinamenti di colore: scienziati del MIT sempre vestiti male hanno inventato degli accessori che cambiano colore in base a come sono vestiti. (Quartz)

Ambiente

È stata inaugurata in Toscana una nuova area
dedicata allo studio della trasformazione delle biomasse in prodotti combustibili. (Lifegate)

Legambiente ha lanciato un portale online dedicato a incentivare la sharing economy condominiale e l’efficientamento energetico degli edifici.(Legambiente)

Animali

Le orche assassine, da sempre animali che ci stanno super simpatici, sanno imitare la voce umana e dire “hello” e “bye-bye.” (the Guardian)

United Arlines non ha permesso a questa donna di imbarcarsi con Dexter, il suo pavone domestico di “supporto emozionale.” (BBC)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —