Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Foto di copertina via Twitter /

Continuano le proteste contro la nuova legge di bilancio in Tunisia. Il paese ha mobilitato l’esercito dopo il caso di un incendio in un palazzo del governo. Non è ancora chiaro il numero degli arresti, ma fonti media dicono almeno 300 persone. (BBC News)

La legge di bilancio ha dovuto prevedere norme molto rigide per la riduzione del deficit, anche secondo le richieste del Fondo monetario internazionale, che nel 2015 ha dato in prestito 2,9 miliardi di dollari al paese. (NPR)

Sette anni dopo la Rivoluzione dei Gelsomini e la caduta di Ben Alì c’è ancora molto da fare, soprattutto sul fronte economico e sociale, dice Habib Kazdaghli, preside della facoltà di Studi umanistici di Manouba (Tunisi), intervistato dal manifesto.

Per la maggior parte, le proteste sono animate da giovani e giovanissimi, falcidiati dalla disoccupazione e spesso con l’unica alternativa di emigrare o ribellarsi. Il reportage da Tebourba di Francesca Paci per La Stampa.

“Fech Nestannew” — Che cosa aspettiamo? — è lo slogan del movimento spontaneo che sta organizzando le mobilitazioni, sfidando la repressione poliziesca del governo. (Jeune Afrique)

Il primo ministro Youssef Chahed ha visitato ieri una delle città teatro degli scontri più violenti, dove è stato contestato nonostante le dichiarazioni “concilianti.” (Yahoo News)

Meno concilianti altri membri del governo, come il ministro del Demanio e degli Affari territoriali Mabrouk Kourchid, che ha dichiarato che non si tratta di malcontento sociale, ma soltanto di “vandalismo.” (Tunisie Numerique)

Mondo

La visita di Trump prevista a Londra per il prossimo mese, per l’inaugurazione della nuova ambasciata statunitense a Londra, è stata cancellata per paura di proteste. Ma il presidente, che sarà probabilmente rimpiazzato da Rex Tillerson, ha dato su Twitter una motivazione più fantasiosa. (the Guardian)

Frustrato dalle discussioni attorno i diritti dei migranti da Haiti, El Salvador e alcuni paesi africani, Donald Trump avrebbe sbottato con alcuni politici, “Ma perché facciamo venire qui questa gente da questi paesi di merda?” (the Washington Post)

Nel frattempo la Camera statunitense ha votato per l’estensione di altri sei anni del programma di sorveglianza di massa senza mandato dell’NSA, anche se il presidente, all’ultimo minuto, sembrava non essere più d’accordo — per le sue solite ragioni. (the New York Times)

Il nuovo ambasciatore statunitense nei Paesi Bassi è famoso per aver detto, due anni fa, che i musulmani hanno “seminato il caos” nel paese, dove ci sono zone in cui è impossibile andare e ai politici viene dato fuoco (sic). (Middle East Eye)

Il governatore del Missouri Eric Greitens ha ammesso di aver avuto una relazione extramatrimoniale. Quello che invece nega è di aver ricattato la donna con cui era stato minacciandola di pubblicare sue foto intime nel caso lei rivelasse la loro relazione. Ma c’è una registrazione che fa pensare il contrario (NBC News)

Il Ministro dell’interno austriaco, del partito di estrema destra Fpoe, ha pensato bene di usare il termine “concentrare” per dire che i richiedenti asilo andrebbero messi tutti nello stesso posto. (BBC)

Un uomo giapponese di 74 anni è stato arrestato in Thailandia per un omicidio di malavita di 15 anni fa. L’uomo è stato riconosciuto dopo tanti anni perché una foto di un suo tatuaggio è diventata virale sui social network. (Reuters)

Da cinque anni bloccato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, Julian Assange ha ottenuto ufficialmente ieri la cittadinanza ecuadoriana. Ma non è chiaro se questo potrà aiutarlo a evitare l’arresto se mette piede fuori dall’ambasciata. (DW)

Italia

Il distacco di Beppe Grillo dal Movimento 5 Stelle è sempre più concreto: il comico, impegnato con diversi spettacoli, seguirà la campagna elettorale da lontano, mentre ha annunciato un restyling del suo blog personale, non più affidato alla Casaleggio Associati. (Corriere della Sera)

Salvini e Berlusconi sembra proprio che non riescano a mettersi d’accordo sull’abolizione della legge Fornero. (la Repubblica)

Altri che non riescono a mettersi d’accordo? Il Pd e Liberi e Uguali, che probabilmente sosterranno lo stesso candidato alle regionali nel Lazio (Zingaretti), ma non in Lombardia. (l’Huffington Post)

In Lombardia, i sondaggi danno praticamente per certa la vittoria del candidato del centrodestra Attilio Fontana. (la Stampa)

Questioni di genere

Il primo salone dell’auto dedicato alle donne in Arabia Saudita. (the Guardian)

Internet

Se nelle prossime settimane ci vedete meno spesso, è perché Facebook vuole farvi vedere meno notizie su Facebook. Se volete essere sicuri di non perdere pezzi, questa è una buona occasione per seguirci su Twitter. (the New York Times)

Potete anche:

Iscrivervi a Eco, la nostra newsletter quindicinale di ecologia e sostenibilità. Presto seguiranno altre newsletter, e sempre più belle.

Seguirci su Spreaker o su iTunes, dove trovate il nostro primo podcast Chiamando Eva. Anche qui, presto ne arriveranno altri.

— Abbonarvi al nostro feed RSS utilizzando un aggregatore come Feedly.

Seguirci su Instagram e beh, se volete un po’ di bella musica, anche su Spotify.

Ad ogni rivelazione Uber assomiglia sempre di più a una organizzazione a delinquere e sempre meno a una start-up. Un nuovo scoop di Olivia Zaleski e Eric Newcomer racconta di “Ripley,” un protocollo d’emergenza che l’azienda usava per bloccare l’accesso a server con informazioni compromettenti durante indagini di polizia — uno scenario molto frequente in giro per il mondo, dove spesso Uber opera ai confini della legge scritta. (Bloomberg Businessweek)

Scorrendo su Instagram tra le foto dei nostri amici si vedono molto spesso pubblicità di marchi assolutamente sconosciuti, che sembrano esistere solo su Instagram. Alexis Madrigal è partito per scoprire se queste aziende esistono davvero. (the Atlantic)

Cult

Insomma, si può rimanere amici con un ex? Una guida di Haley Nahman. (Man Repeller)

Lo sapevate? La Fanta è stata creata nella Germania nazista, e per i primi anni era prodotta con “gli scarti degli scarti,” tra cui anche il siero di latte. (Atlas Obscura)

Villages è una comunità per anziani gigantesca, in Florida, con 125 mila residenti e 54 mila case — con la fama di essere un luogo di avventure e feste alcoliche. E per i pensionati che vi si trasferiscono, presto, una fetta di futuro: una flotta di taxi senza pilota. (the Verge)

Elon Musk ha ammesso di aver partecipato a uno dei festini sessuali della Silicon Valley di cui si discute da qualche settimana, ma, secondo uno suo portavoce credeva fosse “una festa aziendale in costume.” Musk dice che, quando ha lasciato la festa, all’una di notte, il sesso non era ancora iniziato. (Business Insider)

Anche per quest’anno il CES di Las Vegas è finito. Digg ha compilato una lista delle peggiori idee di quest’anno, dalla toilette smart che misura quanto andate di corpo ad una banda da mettere in testa che vi dà una piccola scossa al cervello per farvi passare la fame. (Digg)

Ambiente

20 anni fa lo scienziato Michael e Mann presentava il grafico “Hockey stick” sul rialzo delle temperature dovute al cambiamento climatico. Com’è cambiata la comunicazione sul Global warming da allora(il Tascabile)

Animali

I piccoli di delfino si riconoscono allo specchio prima dei bambini umani. (the New York Times)

***

Gif di Pedro Miranda Filho

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

 

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi