Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

La Pianura padana sta soffocando nelle polveri sottili, complice l’assenza di precipitazioni da settimane e, ora, la nebbia. Quasi ovunque il limite consentito è stato superato ampiamente da giorni, e le amministrazioni comunali hanno cominciato ad applicare i soliti, tardivi e insufficienti blocchi alla circolazione dei veicoli più inquinanti. (la Repubblica)

A Milano, i giorni di sforamento sono già nove. (il Post)

L’astronauta Paolo Nespoli ha pubblicato su Instagram foto preoccupante della cappa di smog vista dallo spazio. (via L’Eco di Bergamo)

Ma basterebbe anche soltanto farsi un giro sul sito di ARPA Lombardia, per capire quanto siamo messi male.

A Torino il Comune ha raccomandato ai cittadini di non aprire le finestre e non fare sport all’aperto. (Il Fatto Quotidiano)

Il sindaco di Milano Sala ha detto che la situazione è “intollerabile,” ma ogni anno è la stessa storia e manca qualsiasi progettualità di lungo periodo. (Wired, 16/10)

Ogni anno nel mondo lo smog uccide più del triplo delle persone colpite da AIDS, tubercolosi e malaria. Lo dice un nuovo studio pubblicato su the Lancet. (NPR)

In Italia, le persone morte prematuramente ogni anno a causa dello smog sono stimate nel numero esorbitante di 91 mila. (la Repubblica, 29/09)

Il livello di PM10 dovrebbe calare da domenica — ma non per merito delle misure “emergenziali,” ovviamente. (3BMeteo)

Mondo

Il giornale russo RBC ha pubblicato un reportage esclusivo sulla filiera produttiva dei troll con cui il paese ha interferito nelle elezioni statunitensi dello scorso anno. La prima truffa? Una pubblicità che proponeva hot dog gratuiti, che però, non esistevano. Qui l’originale, in Russo. Mother Jones ne ha fatto un ottimo riassunto in inglese.

India. Il divieto totale ai fuochi d’artificio — sì, anche delle stelline scintillanti — sarebbe un attacco contro l’induismo, e specificamente contro la festa delle luci Diwali. Lo sostiene Chetan Bhagat, autore superstar di film di Bollywood — ma sono in molti a difendere il proprio “diritto di respirare.” (BBC)

Nawaz Sharif, ex primo ministro pakistano, costretto a dimettersi per sospetti di corruzione, è stato ufficialmente incriminato. È solo l’ultimo dei casi emersi dai Panama Papers. (the New York Times)

L’UNICEF si unisce alle voci in allarme sulle condizioni di vita nei campi profughi del Bangladesh per rifugiati Rohingya. (Arab News)

Il neonazista Richard Spencer è stato duramente contestato durante un comizio all’Università della Florida. (Reuters)

Domani si vota per le elezioni politiche in Repubblica Ceca: il favorito è Andrej Babiš, miliardario, euroscettico, accusato di corruzione e con un passato poco limpido. (the Guardian)

Come sta andando il dialogo tra Spagna e Catalogna? Va che la Spagna ha deciso di riprendere il controllo della regione con la forza. (CNN)

Come sempre l’Unione Europea si rivela un organo utile ed efficace, la posizione ufficiale sulla crisi in Spagna è: fate voi. (BBC)

Sarebbero circa 100 mila le persone fuggite da Kirkuk dopo la presa della città da parte dell’esercito iracheno. (Al Jazeera)

Vi ricordate la promessa da parte di Theresa May che lo stato avrebbe finanziato le misure anti-incendio nei palazzi alti, dopo il disastro della Grenfell Tower? Adesso “non ci sarebbero i soldi.” (the Independent)

Italia

Forza Nuova ha rinunciato alla sua “marcia su Roma” prevista per il 28 ottobre, già vietata dalla questura. Ma probabilmente sarà soltanto posticipata. (la Repubblica)

Un pezzo di capitello caduto da un’altezza di 30 metri nella basilica di Santa Croce a Firenze ha ucciso un turista spagnolo. (ANSA)

Dopo l’agguato a Visco ieri Renzi ha calato la scure anche sul governo, in un’operazione di apertura di campagna elettorale che non potrebbe essere più posticcia. (il manifesto)

Milano

Altro bike sharing in arrivo. Questo però sarà più personale: serve comprare una delle bici in sharing per utilizzarlo. (Lifegate)

È stato modificato il percorso del prolungamento della M5 a Monza. (Corriere della Sera)

Cinque buone ragioni per votare no al referendum di domenica, o per non andare a votare affatto. (Linkiesta)

Questioni di genere

Anche Quentin Tarantino sapeva del comportamento di Harvey Weinstein. (the New York Times)

Cult

Il satellite giapponese Selene ha scoperto il posto ideale dove costruire una colonia umana sulla luna. Quando si parte? (the Guardian)

Per soli 14000 rubli (206 euro), un’agenzia di Mosca vi permetterà di fare un sacco di foto da mettere su Instagram per raccontare ai vostri amici che avete viaggiato su un jet privato. (Business Insider)

L’albero genealogico della specie umana si fa più complesso: è stato trovato in Germania un dente di ominide di 9,7 milioni di anni fa — ma sembra appartenere ad una specie precedentemente datata solo 4 milioni di anni fa, e in Africa. (Deutsche Welle)

Ambiente

Earth System Dynamics ha rilasciato il primo studio in cui sono messi a confronto gli scenari IPCC 1.5°C e 2°C. (Carbon Brief)

Come è stato aggiornato il sistema ETS per il controllo delle emissioni climalteranti in Europa. (Rienergia)

Settimana scorsa nel golfo del Messico lo scoppio di una tubatura ha riversato in mare un milione e mezzo di litri di petrolio. (Lifegate)

Animali

I delfini sono pettegoli. (la Repubblica)

La scienza conferma: i cani fanno più espressioni quando guardano gli umani. È la prima vera dimostrazione che i cani siano sensibili alle comunicazioni degli umani. (Fatherly)

Sull’isola di Sant’Elena sono vietati i matrimoni omosessuali, ma queste due tartarughe gay possono allegramente fregarsene. (la Repubblica)

Cucina

Amazon vuole rendere popolare il sushi vegano. (Quartz)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi