Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

A St. Louis le manifestazioni pacifiche sono degenerate questa notte in scontri violenti tra la polizia e un centinaio di manifestanti. (Reuters)

Le proteste sono scoppiate due giorni fa in seguito al proscioglimento di un ex poliziotto colpevole di aver ucciso un ventiquattrenne afroamericano nel 2011. (CNN)

Tra i manifestanti c’era anche il rapper e attore Nick Cannon:

Un risultato positivo le manifestazioni l’hanno già raggiunto: gli U2 e Ed Sheeran hanno annullato i propri concerti a St. Louis per questioni di sicurezza. (Rolling Stone)

A post shared by U2 Official (@u2) on

Mondo

A Washington, invece, si sono incrociate per poco una manifestazione a favore di Trump e il meeting annuale dei Juggalo. Purtroppo non ci sono stati scontri. (Uproxx)

Continuano le indagini di Scotland Yard dopo l’attentato in metropolitana dell’altroieri. Al momento c’è un diciottenne in stato di arresto, di cui ancora non si conosce l’identità. (the Guardian)

Ma chi sono i Juggalo, e perché hanno un meeting annuale? (Vox)

Forse soprattutto perché alla grande marcia in supporto di Trump erano in quattro gatti:

Un interprete amatoriale del linguaggio dei segni ha dato una traduzione completamente assurda dei messaggi di emergenza sull’uragano Irma in Florida, annunciando pericolo di “pizza, orsi, e mostri.” (New York Post)

Secondo fonti del Wall Street Journal la Casa bianca starebbe cercando un modo per non uscire dagli accordi di Parigi senza doverlo spiegare ai propri elettori. La Casa bianca, ovviamente, nega. (the Wall Street Journal)

Con una svolta storica, Hamas ha accettato di sciogliere il proprio governo “parallelo” sulla Striscia di Gaza e ha aperto al dialogo con Fatah per formare un governo di coalizione. (Al Jazeera)

Italia

“Tutti i bambini sono uguali.” Migliaia di professori e educatori hanno firmato l’appello per lo ius soli lanciato da Franco Lorenzoni e Eraldo Affinati. (la Repubblica)

Vi siete accorti che a Lampedusa c’è un nuovo sindaco? No? Ci pensa lui a farvelo notare, prendendosela violentemente contro i migranti bloccati nell’hotspot dell’isola. (l’Huffington Post)

Dopo anni di calo, nel 2017 il numero delle morti sul lavoro è cresciuto del 5,2% (la Repubblica)

Mafia

A Vittoria è stato totalmente sgominato il clan Ventura. Arrestate 15 persone e sequestrata un’intera azienda. (La Spia)

Milano

Corone uguali per i caduti della Seconda guerra mondiale al Cimitero maggiore, senza distinguere tra partigiani e repubblichini? L’ha proposto in giunta comunale l’assessora Carmela Rozza. (Corriere della Sera)

Cult

Anche Google permette di usare termini di ricerca razzisti come target per definire un pubblico per la pubblicità. Il problema è insomma vasto come l’industria della pubblicità online — un’industria che è stata beccata in piena collusione con la propaganda fascista. (BuzzFeed News)

Un dipendente di Netflix incaricato di cercare location per girare Narcos è stato trovato morto ammazzato in Messico. (the Guardian)

Alla fine anche gli amish hanno ceduto al fascino della tecnologia. (the New York Times)

Dormire di più, dormire meglio: appunti di lettura da Il potere del sonno di Richard Wiseman. (Internazionale)

Apple sta cercando ingegneri con una preparazione in psicologia per programmare le risposte di Siri per le (a quanto pare tantissime) persone che la usano come terapeuta. (Quartz)

E se le scene quasi psichedeliche dell’arte rinascimentale fossero dovute a intossicazione da ergot? (Hyperallergic)

Ottime idee: le ciabatte che mettono i tweet contraddittori di Donald Trump l’uno accanto all’altro. (Huffington Post)

Animali

Una nuova formula matematica conferma quanto ricercatori sospettavano da anni: il T-Rex non correva per niente, anzi, era un animale molto lento — anche più lento di un elefante. (Quartz)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi