Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Regeni

Giusto in tempo per il ritorno in Egitto dell’ambasciatore italiano, il New York Times ha una lunga ricostruzione sul caso Regeni: secondo il giornale l’allora amministrazione Obama aveva fornito “prove inconfutabili” al governo italiano della colpevolezza della sicurezza egiziana. (the New York Times)

Dal governo italiano sono arrivate smentite — ma tutte anonime, e solo via agenzia stampa. (Corriere della Sera)

Insomma, non è chiaro quali siano queste “prove di fatto,” ma il governo doveva essere pienamente a conoscenza delle responsabilità dei servizi egiziani — e nonostante tutto, in questi mesi, si è lavorato per il ritorno dell’ambasciatore al Cairo, un fronte necessario, per bloccare gestire i flussi migratori che passano dalla Libia. (la Stampa)

Per un riepilogo, qui c’è l’explainer del Post.

Mondo

È durato poco: dopo aver ritrattato il proprio intervento sugli eventi di Charlottesville, Trump l’ha ritrattato di nuovo in una conferenza stampa farnenticante, in cui ha senza possibilità di fraitendimenti preso le parti dei nazisti statunitensi. (the New York Times)

Le violenze, insomma, sarebbero state causate dallo scontro tra “pochi violenti” e questi virulenti studenti universitari antirazzisti. Perché tra la gente armata di torce, e semiautomatici, e scudi e mazze c’era “un sacco di gente a posto.” Saranno stati appassionati di scultura, quelli che urlavano “Sangue e suolo.” (the Washington Post)

Un video della gente che viene difesa dal presidente, per intenderci:

Per ora altri repubblicani stanno cercando di contestare il messaggio del presidente

Ma un buon termometro della direzione dell’opinione della destra “mainstream” statunitense è sempre Fox & Friends, dove ieri la bandiera arcobaleno del gay pride è stata paragonata alla bandiera degli Stati Confederati. (Raw Story)

E il Dipartimento di Giustizia vuole gli indirizzi IP (e quindi nome, cognome, indirizzo) di tutti i visitatori di un sito usato per organizzare manifestazioni contro l’amministrazione. Cosa ci vuole fare? Di sicuro cose normali che si fanno nelle democrazie avanzate contro i dissidenti politici. (the Hill)

Se in qualsiasi momento su internet avete bisogno di una GIF di un nazista che si prende un pugno — è una cosa che può succedere a tutti — ovviamente c’è un Tumblr per questo.

Intanto, un trepercentista è stato arrestato dall’FBI mentre preparava un attentato dinamitardo a Oklahoma City. (the Washington Post)

Italia

Poliziotti cattivi e poliziotti, più cattivi. La nave Golfo Azzurro della ong di Barcellona Proactiva Open Arms è stata fermata da guardiacoste libici su acque internazionali, costretta a entrare su acque libiche e lì sequestrata sotto forza armata per due ore. Proactive Open Arms, tra le 5 ong che hanno firmato il codice di condotta del Viminale, per ora continuerà a lavorare nel Mediterraneo. (la Stampa)

La rincorsa xenofoba del Pd serve a qualcuno: ad esempio, a Matteo Salvini, che può salire su qualsiasi palco e dire che “aveva ragione.” (la Repubblica)

Crowdfunding

Stiamo facendo una campagna di crowdfunding per riuscire a tenere a galla the Submarine anche l’anno prossimo: se ti piace il nostro lavoro, prendi in considerazione l’idea di donarci 5 € su Produzioni dal bassoGrazie mille 💘

Cult

Come si fanno i trailer? Una guida di Auralnauts

Amazon continua il proprio lavoro di adattare in serie tv i romanzi di Neil Gaiman. E per l’adattamento di Good Omens, l’opera scritta a quattro mani con Terry Prachett, sono in buona compagnia: con Michael Sheen e David Tennant. (the Verge)

Cose bellissime, come ordinare la pizza a domicilio su Facebook. (Bloomberg)

Dove sono i robot e quali lavori stanno rubando? Questi 👀 (Brookings)

Daniel Craig sarà James Bond ancora una volta. (the Guardian)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi