Giovani, sensuali, tunisine: sono le donne catturate dalla lente di Jesser Lahdhiri, fotografo freelance nato nel 1993 a Kebili, città del sud-ovest della Tunisia, ma cresciuto a La Marsa.

La maggior parte delle sue modelle sono ragazze comuni che posano per la prima volta davanti ad una fotocamera, eppure la loro bellezza e naturalezza sono folgoranti.

Appena laureato in fisioterapia, per Jesser la fotografia si trasforma,da esperimento nel tempo libero, a passione e ambizione professionale. Scopre la fotografia nel 2012 tra gli angoli delle città tunisine, ma da qualche anno fa dei soggetti femminili i suoi principali obiettivi.

Jesser punta sulle diversità delle muse da lui ritratte, giocando con i colori e le luci, e con la moda, di cui è appassionato. È lui a scegliere gli abiti e il make up, a cui associa minuziosamente il luogo che farà da sfondo. “Si possono trasformare luoghi da apparentemente non attraenti a magici — mi racconta Jesser davanti ad un café a La Marsa — Ad esempio, alcune persone mi hanno chiesto dove si trovasse quel Luna Park nel quale ho scattato delle foto tempo fa, credendo fosse in chissà quale città nel mondo. Invece è il vecchio Dah Dah di Cartagine. Tanti altri sono stati colpiti dai vecchi tetti della Medina. Sono posti che nessuno considera, ma non sanno che la fotografia può cambiare tutto.” Non c’è bisogno, insomma, di uscire dalla Tunisia per immortalare posti meravigliosi — “In questo paese puoi trovare tutte le bellezze che tu ti possa immaginare”.

Nelle sue fotografie si può inoltre notare il mix tra moderno e tradizionale – mix che caratterizza lo stile del giovane fotografo. Che siano luoghi o capi tradizionali, c’è spesso qualcosa che parla della Tunisia.

Ma ciò che più affascina é la sensualità, non maliziosa, di cui sono cariche le sue foto. “Mi piace tirare fuori la sensualità delle donne, senza cadere nella volgarità.”

Jesser vuole mostrare la donna tunisina come una donna libera, libera di indossare ciò che vuole, libera di vivere come le pare; libera con un velo addosso o senza alcuno. “Ad esempio non penso che sia contraddittorio essere belle, alla moda e indossare il velo. Non mi sono ancora capitate modelle velate, ma non avrei alcun problema a fotografarle.”

Schiacciando il conservatorismo da una parte, le immagini distorte del mondo esterno dall’altra, queste fotografie raccontano giovani donne tunisine in tutta la loro la quotidianità e diversità.

13381227_1069766703097359_653759934_n 13671257_1694224244159092_283526856_n 14026633_168875240187356_1171021853_n

14240662_1145688362164178_751685822_n-1 15534637_1602685586414443_4449416982843883520_n

Sostieni il nostro crowdfunding

16110191_343402602712832_4769785315076341760_n 16110786_1933094780255845_1376140528462069760_n 17125588_656467314554701_1145352440791433216_n 17934393_1829164457333179_7051589443873931264_n 18947614_1310986519017357_2739964697036980224_n-1 18948060_1937382253164065_1098571433665101824_n 19367671_329270957503435_9123943251894599680_n 19933265_1880780295528786_7102801040478568448_n 19955534_1506507882720250_2389614185953624064_n 20180651_326828474442395_2214784325239439360_n photo3 photo4 photo6 photo8 photo9


Abbiamo lanciato una campagna di crowdfunding su Produzioni dal Basso. Potete sostenerci qui. Grazie ❤️

— FIN —