Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

K-Flex

Si è conclusa non bene la vicenda K-Flex, che abbiamo seguito più volte in passato. L’azienda ha licenziato 187 operai dietro pagamento di una buonuscita di 42 mila euro: il doppio di quello proposto in origine dall’azienda, ma la metà di quanto chiesto ai lavoratori. (il Giorno)

Le autorità, alla fine, non sono riuscite a evitare che la K-Flex delocalizzasse la produzione. Ieri, l’azienda ha impacchettato tutto quanto per spedirlo in Polonia – nei giorni scorsi, tra l’altro, qualcuno aveva anche provato a trafugare i macchinari. (Milano Today)

Gli operai hanno tenuto per mesi un presidio davanti alla fabbrica, che eravamo andati a visitare trovandoci per caso Matteo Salvini intento ad affettare mozzarelle. Nel corso dei mesi ci sono stati alcuni momenti di tensione con le forze dell’ordine – a fine marzo, ad esempio, mentre un gruppo di impiegati aveva provato a forzare il picchetto per andare a lavorare. Un operaio era rimasto contuso.

Mondo

Un uomo ha travolto la folla di Times Square, ferendo 20 persone e uccidendone una. Terrorismo? No, un veterano ubriaco. (Reuters)

Oggi l’Iran va al voto, e non è un’elezione come le altre: deve anche scegliere che rapporto avere con l’occidente. (the Guardian)

Gli scandali di Trump quanto stanno danneggiando il partito repubblicano? (NBC)

I legami di Flynn con la Turchia rischiano di essere perfino peggio di quelli con la Russia. (McClatchy)

C’è una grande carenza di penicillina al mondo, e sta facendo tornare vecchie malattie e sta facendo nascere nuove malattie pericolosissime. (Quartz)

Tesla è il futuro, in tutto: anche nello sfruttamento dei lavoratori. (the Guardian)

La polizia di Hong Kong ha beccato 10 persone che avevano convertito due fabbriche in piantagioni coperte di marijuana da 38 milioni di dollari. (the Standard)

Italia

Un poliziotto e un militare sono stati accoltellati alla Stazione centrale di Milano. (Corriere della Sera)

I dati Inps sul primo trimestre del 2017 sono male male, e dicono tutto quello che c’è da sapere sul Jobs Act. (il Manifesto)

Intanto, continuano le politiche razzistoidi del governo Minniti. (la Stampa)

Questioni di genere

“Kyenge fa il medico, gli abbiamo dato un posto in una Asl che è stato tolto a qualche medico italiano.” Per aver pronunciato queste parole, l’europarlamentare leghista Mario Borghezio è stato condannato dal tribunale di Milano a risarcire l’ex ministra con 50.000 euro.

Cult

Sì, abbiamo creato uno scudo che ci protegge da fenomeni spaziali dannosi. Come abbiamo fatto? Ascoltando la radio. (the Atlantic)

È iniziata la fine della net neutrality, negli Stati Uniti. (TechDirt)

Instagram prima ha copiato Snapchat, poi, l’ha migliorato. (the Outline)

Google I/O, la riunione di condominio degli sviluppatori Google, ha visto un bel po’ di novità in ballo. E sembra proprio che l’azienda di Mountain View stia prendendo sempre di più le sembianze di un governo centralizzato talmente è il suo slancio verso il futuro. (the Verge / NYT)

The Orange is the New Black Mirror. (Digg)

Ambiente

Non si può letteralmente prendere un attimo di respiro a Beijing. (South China Morning Post)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi