Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Distruzione sanitaria

In una conta all’ultimo voto, i repubblicani sono riusciti a far passare alla Camera il disegno di legge per la riforma sanitaria, che potrebbe privare di copertura sanitaria 24 milioni di persone. Adesso la lotta si sposta al Senato (Quartz)

La riforma mette bene in luce il profondo misoginismo dell’amministrazione Trump. Tra le “situazioni pre-esistenti” — quelle che fanno aumentare il costo dell’assicurazione, o che permettono a un’agenzia di rifiutare copertura, un concetto già assurdo — ci sono anche:

  • violenze domestiche,
  • stupro,
  • depressione post-parto,
  • parto cesareo. (Mic)

La riforma sanitaria causerà grandi problemi amministrativi per Trump, proprio prima delle elezioni del 2018. Si tratta di una legge fortemente compromessa, passata alla Camera solo per pressioni politiche, dopo il precedente fallimento. (Vox)

Pressioni politiche, e crudeltà — tantissima crudeltà. (Slate)

Mondo

Macron ha denunciato Marine Le Pen per diffamazione dopo le accuse della candidata del Front National riguardo i suoi presunti “conti offshore ai Caraibi.” (the Guardian)

World tour? World tour! Trump si prepara a visitare i grandi leader del monoteismo — Vaticano, Israele, Arabia Saudita. (Reuters)

Ma prima di partire, Trump ha incontrato a New York il presidente australiano Malcolm Turnbull. Nell’occasione, ha elogiato il sistema sanitario australiano — che, ops, è universale. (TIME)

Al Jazeera intraprenderà azioni legali contro Sputnik, che ieri ha accusato il servizio all-news qatariota di aver “inscenato” l’attacco chimico su Khan Sheikhun di pochi mesi fa. (Middle East Eye)

Circa cinque milioni di cittadini sudcoreani hanno già votato alle elezioni presidenziali — che si svolgono in due tempi. Il secondo round è martedì. (Korea Times)

Italia

Accordo raggiunto tra Google e l’Agenzia delle entrate: Mountain View verserà alle casse dello stato 306 milioni di euro per le tasse evase tra il 2002 e il 2015. (la Repubblica)

In Parlamento, quindi, si torna a discutere di web tax, o digital tax, o tassa sui bit. (Corriere della Sera)

La macchina del fango di questi mesi contro le Ong comincia a dare i propri frutti: alcuni militanti di Forza Nuova hanno assaltato l’ufficio romano dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni. (Avvenire)

(Fun fact: l’Oim non è una Ong, fa parte dell’Onu)

Insomma, la nuova legge sulla legittima difesa non piace a nessuno, per ragioni diverse. (la Repubblica)

Cult

Non ce ne libereremo mai: ci sono ancora due mezze stagioni di Game of Thrones, e HBO sta già lavorando a una serie di spin–off. (the New York Times)

Ma perché alcune persone non rimettono a posto il proprio carrello quando hanno finito di fare la spesa? L’antropologia risponde. (Scientific American)

Il primo aeroplano passeggeri 100% made in China è pronto a competere con i vari Boeing e Airbus. (Reuters)

Lo fa davvero: Jeff Bezos vende un miliardo di dollari delle proprie azioni Amazon per finanziare Blue Origin, la propria compagnia di viaggi spaziali. (Bloomberg)

Il co-housing come antidoto alla solitudine. (Fast Company)

Sense 8 sta per tornare con una seconda stagione, e secondo Naveen Andrews, già star in Lost, è “una risposta diretta al fascismo globale.” (the Verge)

Facebook sta testando un timido tentativo per rompere le filter bubble: permettere agli utenti di seguire non soltanto amici e pagine, ma anche “argomenti.” (TechCrunch)

Ansia

Sbrigatevi ad avere uno stipendio decente, perché dopo i 25 anni le possibilità di vedere un incremento salariale crollano drasticamente. (Quartz)

Fondo del barile

Bestemmiare fa bene. (the Guardian)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi