Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Buonday, ecco tutte le notizie da leggere stamattina:

Il Movimento 5 Stelle “ormai sta metabolizzando il fatto che alle elezioni genovesi non ci sarà,” in quello che è il pasticcio politico più divertente del mese. (la Repubblica)

Jacopo Iacoboni ricostruisce il groviglio di articoli e commi del regolamento a cui si sottopone chi si candida con il Movimento 5 Stelle. Sui punti chiave, comunque, alla fine decide “il gestore.” Ma non c’è scritto da nessuna parte chi o cosa sia. (la Stampa)

L’ultimatum, o l’“avviso bonario,” come l’hanno chiamato i suoi avvocati, di Marika Cassimatis a Grillo: “Torno nel M5S.” (Il Secolo XIX)

Un altro grillino parte all’attacco, intanto, è Paolo Putti, candidato sindaco pentastellato cinque anni fa che per un pugno di voti non andò al ballottaggio, che si presenta col nome “Quarto Polo,” nella speranza di intercettare i voti della sinistra. Il risultato di questo pasticcio? Alla fine, a Genova, probabilmente vincerà il centrodestra. (Blitz)

Mondo

Dài, almeno su qualcosa sono andati d’accordo:
Dopo una lunga conversazione a porte chiuse, il segretario di stato statunitense Rex Tillerson e il presidente russo Putin hanno trovato un punto comune: i propri paesi “si fidano poco” l’uno dell’altro. (the New York Times)

Dài, almeno hanno imparato a non fare esempi con Hitler:
Un repubblicano del North Carolina sostiene che Lincoln fosse “lo stesso tipo di tiranno” di Hitler. Non è chiaro se sia un complimento o un’accusa, dal suo punto di vista. (Washington Examiner)

Dài, almeno stanno affrontando il problema del razzismo poliziesco:
Un disegno di legge bipartisan propone di inserire corsi su come “non farsi sparare dalla polizia.” Ovviamente succede in Texas. (Quartz)

Dài, almeno qualcuno gli ha fatto la festa:
Mercoledì 30 mila persone hanno manifestato a Pretoria, la capitale della Repubblica Sudafricana, per chiedere le dimissioni del presidente Jacob Zuma, sotto accusa per svariati casi di corruzione in un paese particolarmente colpito dalla crisi economica mondiale. Era il suo 75esimo compleanno. (Reuters)

Italia

Continuano le uscite infelici dell’illuminato statista Luigi Di Maio, che ieri ha sentito il bisogno di superarsi commentando su Facebook sul fatto che “il 40% dei criminali romeni sono in Italia.” Ovviamente, è una bufala. Ovviamente, è un altro passo del partito della famiglia Casaleggio verso la destra. (la Repubblica)

Cult

È ufficiale: nel 92% dei casi, i broker robot sono più bravi degli umani. (the Wall Street Journal)

La polizia giapponese sospetta di aver scoperto una nuova valvola di sfogo della criminalità organizzata: un racket cinese di finti monaci buddisti che vendono amuleti ai turisti. (the Asahi Shimbun)

James Vincent indaga sul magico mondo delle illusioni ottiche che possono ingannare gli algoritmi di riconoscimento immagini. Una lettura obbligatoria per prepararsi a combattere nella resistenza umana contro la sollevazione delle macchine. (the Verge)

Ambiente

Consiglio: iscrivetevi alla nostra newsletter di energia e ambiente, Eco.

Musica

C’è del marcio in Coachella: il proprietario del Festival, Philip Anschutz, sarebbe regolare donatore verso gruppi anti–LGBTQ e di negazionismo del cambiamento climatico. Anschutz era apparso per la prima volta in una lista di magnati anti–LGBTQ stilata dal Washington Post l’anno scorso.

Fondo del barile

Esempi di vita: un bambino di otto anni ha rubato una macchina per portare sua sorella, di quattro anni, al McDonald’s. Aveva imparato a guidare guardando video su YouTube. (WJW-TV, via Gizmodo)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi