M. K. è uno studente siriano.

Per ragioni di sicurezza, ci ha chiesto di rimanere anonimo.


Sulla strada per Aleppo – come su molte altre strade che collegano le città della Siria – a distanza di pochi chilometri l’uno dall’altro ci sono i checkpoint del regime, dove le macchine vengono ispezionate e l’identità dei passeggeri verificata dai militari

La maggior parte delle volte questo è solo un processo formale, e viene sfruttato dalla maggior parte dei militari per racimolare denaro. I guidatori pagano tangenti di loro spontanea volontà per velocizzare il processo ed evitare noie inaspettate. Per fortuna, è possibile oltrepassare i checkpoint anche senza pagare un centesimo — basta avere passeggeri cristiani.

Una volta che il guidatore comunica ai soldati che il gruppo sul suo mezzo è composto da cristiani, i soldati faranno il saluto e li lasceranno passare liberamente.

479In qualche modo, i soldati sono convinti che i cristiani godano di privilegi o opportunità che li pongono al di sopra dei controlli di routine.

Questo atteggiamento espresso dai soldati, di spontanea condiscendenza, ci permette di capire meglio le relazioni tra i cristiani – in generale le minoranze, a dire il vero – e i regimi dittatoriali arabi.

Quando le primavere arabe sono cominciate, la maggior parte degli arabi cristiani ha esitato ad aderire alle rivolte che divampavano in tutto il mondo arabo.

Per i cristiani questa reticenza era legata alla paura di un futuro potenzialmente oscuro, connesso alla possibilità dell’arrivo degli islamisti al potere – anche tramite elezioni – che avrebbe potuto essere seguito da un dispotismo deciso a cercare di islamizzare la società. Questa attitudine negativa riguardo ogni cambiamento politico che possa portare ad un’alterazione dello status quo non è stata inventata e adottata all’improvviso dai cristiani arabi, ma è il diretto risultato di decenni e decenni di dittature miltari, che sono riuscite a legare il destino dei cristiani al proprio, eliminando la società civile e marginalizzando categorie notevolmente ampie dalla società.

Gradualmente, la radicalizzazione estremista è cresciuta ed è entrata in conflitto con diverse categorie della società. Questa dinamica può essere notata drammaticamente seguendo lo sviluppo di questi movimenti: all’inizio hanno preso di mira la presenza delle potenze occidentali in Medioriente (Al-Qaeda), poi le minoranze dentro e fuori dall’Islam (il primo nucleo dello Stato Islamico in Iraq, nel 2003), e alla fine chiunque non fosse d’accordo con loro, compresi gli stessi musulmani sunniti.

I cristiani non sono stati le uniche vittime dell’islamizzazione, ma sono stati i primi ad essere usati come pretesto che i regimi dispotici hanno al tempo stesso sbandierato e minacciato contro qualsiasi cambiamento politico — per non parlare dell’efficacia garantita dall’argomento verso il mondo occidentale, che storicamente si considera difensore dei cristiani arabi.

Rifiutandosi di stare al fianco delle proteste civili nei loro paesi, i cristiani siriani ed egiziani hanno perso un’opportunità storica di interrompere questa dipendenza e muoversi verso uno Stato democratico, che è l’unica garanzia a lungo termine per i loro diritti. Oggi i timori dei cristiani arabi possono essere compresi in pieno, considerando l’esistenza di un estremismo islamico senza precedenti, ma allo stesso tempo dobbiamo sempre ricordare di porci la domanda: chi ha spinto per una realtà dove i cristiani potevano contare solo sulle dittature per sentirsi al sicuro?

Mentre quasi 70 anni fa, durante e dopo l’era coloniale e appena prima dei catastrofici colpi di stato militari, quegli stessi cristiani arabi erano tra i maggiori partecipanti alla costruzione di uno stato e alla richiesta di democrazia. I cristiani egiziani e siriani hanno perso un’opportunità storica per scegliere – e, dunque, costruire – un futuro migliore. Ironia della sorte, i cristiani iracheni non hanno mai avuto il lusso nemmeno di poter compiere questa scelta, dato che né Saddam Hussein né l’invasione americana dell’Iraq gli hanno lasciato la libertà di compierla.


Per ricevere tutte le notizie da The Submarine, metti Mi piace su Facebook

***


La Salvia è una pianta magica: il suo nome vuol dire salvatrice.
La nuova linea profumata Erbaflor

Scopri di più

***

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi