Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet.
Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

***


Cool water, after shave e linea cosmetica
on line e nei flagship store Erbaflor

Scopri di più

***

Muslim ban, to be continued…

Trump ha licenziato Sally Yates, procuratore generale rimasta in carica dall’amministrazione Obama, che aveva dichiarato di “non essere certa” della legalità dell’ordine sull’immigrazione dell’amministrazione. (Vox)

Il muslim ban è un prodotto del cerchio magico di Trump, con pochissimo coinvolgimento dei repubblicani del Congresso. In particolare, è figlio delle idee deformi di Stephen Bannon e Jeff Session. (the Washington Post)

Dopo l’annuncio del ban e le enormi manifestazioni in tutte le metropoli degli Stati Uniti, i mercati sono andati ieri male male, nel più grande selloff dopo le elezioni. Più ancora che per le politiche — Wall Street è preoccupata dalla frettolosità delle azioni del presidente. (Bloomberg)

I social network sono la culla dell’alt-right, ma stanno offrendo inedite possibilità di organizzazione anche ai manifestanti che in questi i giorni hanno rubato la scena mediatica al presidente Trump. Si potrebbero chiamare alt-left, alt-majority, o niente, dice Farhad Manjoo. (the New York Times)

Non cadete nella trappola delle teorie del complotto, non servono. Il muslim ban è già terribile così com’è — basato sull’idea fondamentale che i non–bianchi costituiscano una minaccia agli Stati Uniti. (Slate)

I pugni fanno male, ma sono i meme che feriscono — secondo Leah Finnegan la missione di internet deve essere quella di umiliare Trump. (the Outline)

Québec

La polizia del Quebec ha arrestato Alexandre Bissonnette, studente di estrema destra, 27 anni, per la strage di domenica 29 gennaio. Bissonnette ha ucciso 6 persone e ne ha ferite 19. (the Star)

I primi report, senza nessun fondamento, descrivevano l’assalitore come un nazionalista marocchino, che avrebbe gridato “Allah-u akbar” durante la strage. (the Intercept)

Mondo

L’Iran ha condotto il suo primo test missilistico dell’era Trump. (CNN)

L’estrema destra israeliana, con le spalle coperte da Trump, sta iniziando a fare pressioni sul governo perché conduca un’operazione per annettere l’intera West Bank. (the New York Times)

Il candidato conservatore francese Fillon è indagato per aver pagato sua moglie Penelope Fillon 500 mila euro come assistente parlamentare — ma sembra non abbiamo lavorato nemmeno un giorno. (France24)

Deutsche Bank è stata multata per 630 milioni di dollari da autorità di controllo statunitensi e britanniche, con l’accusa di non aver impedito il riciclaggio di 10 miliardi dalla Russia. (BBC)

Ancora non si sa chi abbia assassinato due giorni fa U Ko Ni, famoso avvocato e consigliere musulmano di Aung San Suu Kyi. (Mizzima)

Italia

La Stampa intervista Massimo Cacciari, che dice: “Nessuna sinistra può vincere in Europa.” Forse perché prima di vincere le elezioni bisogna esistere :eyes:. (la Stampa)

Chi è Luigi Di Maio? (Il Fatto Quotidiano)

Renzi se la sta giocando così male che è riuscito a rivitalizzare davvero D’Alema. (la Repubblica)

Questioni di genere

I boy scout degli Stati Uniti ammetteranno per la prima volta anche ragazzi transgender. (the New York Times)

Cult

È morto a 91 anni Masaya Nakamura, fondatore di Namco, storica software house editrice tra gli altri di Pac-Man. (Bloomberg)

Le vendite di ebook sono di nuovo più basse dei libri cartacei — per la prima volta dal 2012. Jason Kottke ha una spiegazione — ah, e i libri veri sono più belli.

Pedro Almodovar è stato nominato presidente della giuria di Cannes 2017. “I am grateful, honoured and a bit overwhelmed”. (Vulture)

La Lego ha creato un social network per i suoi giovani clienti e stranamente il risultato non è così creepy come potreste immaginare. (Wired)

Sì, Elon Musk vuole costruire un tunnel per evitare il traffico, ma ammette che non sa cosa sta facendo. (Gizmodo)

Il latte nei film? Un video essay ne spiega la funzione cinematografica. (No Film School)

Animali

Il Saccorhyntus coronarius è vissuto circa 540 milioni di anni fa sul fondo degli oceani: lungo un millimetro, molto brutto, potrebbe essere la creatura più prossima al nostro più antico progenitore conosciuto. (the Guardian)

Molto più brutto del Saccorhyntus coronarius è il traffico illegale di piccoli scimpanzé. Un’indagine della BBC.

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. Grazie!

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi