Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet.
Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.



cool water, after shave e linea cosmetica
on line e nei flagship store Erbaflor

Scopri di più


Gentiloni si prepara a un commissariamento “soft” del Ministero del Lavoro, con un gioco di poltrone di sottosegretari — l’obiettivo sarebbe bloccare la mozione di sfiducia contro Poletti presentata da Lega, 5 Stelle e Sinistra Italiana. Ma con un sottosegretario in quota Verdini, sarà dura. (La Stampa)

Allo studio del governo ci sarebbe un piano per rivedere il sistema dei voucher, a meno di due settimane dal voto di ammissibilità della Consulta sui referendum promossi dalla Cgil. (la Repubblica)

E proprio con il lavoro dei “voucheristi” sono rimasti aperti ieri (e lo saranno anche il 1° gennaio) molti ipermercati Carrefour, tra le proteste dei sindacati. (Radio Popolare)

Anche Maurizio Del Conte, vicino a Renzi, a capo dell’Agenzia nazionale per le politiche attive sul lavoro, dice che sui voucher è necessaria “una stretta.” (Corriere della Sera)

In Sardegna “si registra profondo rosso” sulle assunzioni a tempo indeterminato. La regione era tra le aree più affezionate ai buoni per il lavoro, ma dopo il Jobs Act sono crollate le assunzioni, con 4 milioni di buoni all’anno, un aumento del 20% anno su anno. (La Nuova Sardegna)

Mondo

Secondo Netanyahu, dietro la risoluzione dell’Onu contro gli insediamenti israeliani in territorio palestinese ci sarebbe la mano di Obama in persona. E minaccia di mostrarne le prove a Trump. (The Guardian)

So sad!

In un’intervista agli Axe Files Obama sostiene che avrebbe sconfitto Trump se si fosse candidato per un terzo mandato. È una bordata a Clinton, a cui ha ovviamente confermato supporto e simpatie — ma ovviamente chi se l’è presa di più è il presidente-bambino. (the Washington Post)

Le telecamere di sorveglianza hanno ripreso Anis Amri alla stazione di Lione, dove ha acquistato il biglietto del treno per Milano. (Rai News)

Sette donne sono state elette nei consigli municipali in Oman. (The National)

Un’esercitazione militare nel Mar Cinese Meridionale riaccende le tensioni fra Cina e Taiwan. (Reuters)

Un sindacato di polizia statunitense ha chiesto ad Amazon di rimuovere dalla vendita una maglietta di Black Lives Matter, colpevole di “commercializzare le nostre differenze e perpetuare i miti che minano le relazioni tra i difensori della legge e le loro comunità.” (Christian Science Monitor)

Tempo fa è girata la storia del video di invito al quindicesimo compleanno di una ragazza messicana, Rubì, diventato virale per qualche ragione. Bene, la festa era ieri e c’erano migliaia di persone. (BBC)

Italia

Come crescono in fretta: Per Monte dei Paschi 5 miliardi non bastano piú, ne serviranno almeno 8,8. (la Repubblica)

Ambiente

Ondata di calore sull’Artico, dove si registrano temperature fino a 20 gradi superiori alla norma. (Corriere della Sera)

Cult

Secondo Ezra Klein il miglior libro per capire cosa sia successo alle elezioni statunitensi è … un fumetto Marvel. Il protagonista è Loki, il dio dell’inganno, se volete sapere dove sta andando col discorso. (Vox)

Yolanda Baker è probabilmente l’ultima artigiana di palle stroboscopiche in America. (USA TODAY)

Apologia della solitudine al cinema. (the Washington Post)

Se il sogno della vostra vita è abbaiare (letteralmente, abbaiare), in un film di Wes Anderson, siete fortunati. Questa è la vostra occasione. Isle of Dogs è il prossimo film del regista, e ci sarà anche Yoko Ono. (via Boing Boing)

È morta a 88 anni Vera Rubin, astronoma, pioniera dello studio della materia oscura. (the Guardian)

Cosa abbiamo imparato su Marte nel 2016. (Inverse)

Animali

Come stanno i coccodrilli in Australia? Meglio, grazie. (the Guardian)

Musica

Il nuovo disco dei Run The Jewels, pubblicato a sorpresa il giorno di Natale, è disponibile in free download. (The Verge)


Se ti piace Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook, altrimenti lo fanno solo i fan di Donald Trump e per noi sono guai. Grazie!

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi