Rigorosamente e democraticamente organizzati in ordine di uscita.

David Bowie — Blackstar

stories-bowie-blackstar-main-square

David Bowie ha aperto l’annus horribilis musicale con la propria morte e parlando di morte in quello che è a tutti gli effetti il suo testamento artistico, un disco cupo, da necronomicon, suonato con violenza elegante dal quartetto di Donny McCaslin.

Lucy Dacus — No Burden

lucy_dacus-2016-no_burden
No Burden
inizia con una dichiarazione semplice: I don’t wanna be funny anymore. L’esordio di Lucy Dacus esprime così, senza asprezza — anzi, con il calore di un indie rock morbido e malinconico, a tratti bluesy — la fatica e la stanchezza delle pressioni sociali.

Bruno Belissimo — Bruno Belissimo

13047846_484642005059483_5854030789105928221_o

Bruno Belissimo è la via italo-canadese alla disco-funk contemporanea: loop senza pietà, giri di basso ipnotici, frammenti cinematografici, e via all’infinito.

Motta — La fine dei vent’anni

ww037-mottaIl primo album di Francesco Motta parla di un tempo che scorre inesorabilmente instabile, alla ricerca di un nuovo equilibrio, ritrovato, poi perso, trovato di nuovo. E poi c’è Roma, musa ispiratrice di ogni traccia.

VAPERROR — Acid Arcadia

a0518553704_10

VAPERROR è la nuova sfida di Jeff Cardinal, che passa dalla propria EDM futuristica, dal ritmo sincopato a della lounge acida, surreale — ma assolutamente non futuristica, anzi spesso quasi retro, come nel suoni robotici e da videogioco di  “Crystal Body.”

Jolly Mare — Mechanics

0006938708_10

Rivelazione dell’elettronica italiana, il salentino Jolly Mare escordisce con un trip poliritmico da cyberspazio vintage, molto indebitato con gli anni ‘80. Tra synth e drum machine spicca Hotel Riviera, pezzo pop dell’anno.

Suuns — Hold/Still

a0455473221_10

Forse non regge il confronto con Images du Futur, ma conferma la maturità dei Suuns e la loro passione per: i bassi synth quasi inudibili; le scale mediorientali; i ritmi ipnotici; il cantato tra i denti; una cupezza quasi drone.

Brian Eno — The Ship

sc-brian-eno-the-ship-album-review-20160429

In questo disco più che mai, Brian Eno veste i panni di una specie di sacerdote cosmico — la musica arriva da profondità siderali, e serve a trasportare i fedeli in una dimensione ultraterrena. A sorpresa: una cover di I’m Set Free dei Velvet Underground scioglie la tensione.

Kaytranada — 99.9%

xllp765-kaytranada

Il produttore haitiano-canadese enfant prodige Kaytranada stabilisce con 99.9% il nuovo standard per quel blend di soul, R&B, hip hop e funk tornato di moda negli ultimi anni — vedi alla voce Anderson .Paak (che qui collabora) e Chance The Rapper, altri due protagonisti assoluti del genere nel 2016.

Jessy Lanza – Oh no

a2800502694_10

Oh no al primo ascolto è strano strano — è energico, non energetico, stizzito, non arrabbiato. È un disco pop introverso, per non–più–adolescenti, che parte con una giustificazione — la tristezza. Non è una cronaca vittimista della propria depressione, ma un canto di forza: per riconoscere la tristezza come un tipo di forza, l’unico sentimento che permette di accettare contraddizioni, e la complessità della vita adulta.

Oscar — Cut and Paste

oscar_hb_180516

Mentre l’indie britannico è spaccato tra la deriva completamente commerciale e lo sperimentalismo, dalla crepa nel suolo è sbocciato Oscar. Cut and Paste, il suo disco d’esordio non è speciale, ma è onesto; non è innovativo, ma non è nemmeno confezionato. E come tutti i giovani intelligenti, è spaventato.

Car Seat Headrest — Teens of Denial

ff141e22487c56b8a9a2b8d117c99ffc-1000x1000x1

Quota adolescenza: Will Toledo dimostra che nel 2016 si può ancora fare indie rock con l’anima, e parlare di depressione e dipendenza con disinvoltura rabbiosa senza banalità.

Bat for Lashes — The Bride

bat-for-lashes-new-album-the-bride-streaming

The Bride, seppur certamente non il miglior disco di Natasha Khan — che era più a proprio agio quando faceva folk che nei suoi più recenti pastiche elettronici, che sono comunque più interessanti — torna con un concept album che sfonda le barriere tra musica, radiodramma, ed esperienza teatrale. The Bride canta la separazione non come fine di un amore, ma come nascita di un amore eterno, quasi mistico e certamente drammatico. No spoiler, prendetevi un’ora e mezza — vi serviranno fazzoletti e una mezz’ora in più per rimettervi insieme, ad ascolto terminato.

Wild Beasts — Boy King

wildbeasts-boyking

Boy King è un disco drammatico — quinto disco dell’esperimento di iper-sessualizzazione dell’indie rock del quartetto di Kendal, è anche il primo esperimento fallito. Ma in un genere che ha sempre meno da dire, un esperimento fallito è dieci volte più interessante di tanti dischi ben confezionati che nessuno dovrebbe ascoltare. E con tutti i suoi difetti, Boy King è da ascoltare.

La Femme — Mystère

la_femme_mystere_album

Qui c’è un po’ di tutto: psichedelia, surf rock, garage, elettronica, chanson, dream pop, krautrock, brani giusti per Quentin Tarantino e brani giusti per Wes Anderson.

Wilco — Schmilco

f3838e90

La cover art surreale di Joan Cornellà riassume bene il senso del non-senso di tutta l’esistenza, la nostalgia dell’infanzia, la fatica di crescere, tirare su col naso dopo aver pianto — tradotto in 12 brani folk-rock sommessi e consolatori.

Mykki Blanco — Mykki

cover_mykki

Fluido come il proprio genere, l’esordio studio rap/afropunk di Michael David Quattlebaum Jr., in arte Mykki Blanco, si pone in opposizione diametrica con il rap aggressivamente maschilista e spesso misogino della scena contemporaneo. Mykki Blanco, feroce commentatrice politica, porta la sieropositività, la questione di genere e il dilagante razzismo al centro dei propri testi, in quello che è senza dubbio il disco hip-hop dell’anno.

Bon Iver — 22, A Million

985e010a

Dopo 5 anni di duro lavoro è arrivato l’ultimo sorprendente album dei Bon Iver. Dai caratteri fortemente sperimentali, 22, A Million dà l’impressione di nascere da una voglia di uscire dagli schemi, di cambiare la percezione stessa della musica. Il falsetto leggero di Justin Vernon ha qualcosa di angelico ed etereo, eco di una malinconia scomposta e irregolare.

S U R V I V E — RR7349

a0993463645_10

Usciti allo scoperto grazie alla colonna sonora di Stranger Things, i S U R V I V E in realtà sono all’opera da sette anni, e sono molto più in the weeds della propria produzione per Netflix. Strumentale, non dance, d’ambiente ma non ambient, dove la colonna sonora di Stranger Things riporta negli anni Ottanta, RR7349 sfida il lettore a immaginare il futuro — e non è un bel posto.

藤本ちゃお – 楽しい分裂症feels

a0120048584_10

Chao Fujimoto ha 19 anni, vive a Tokyo ed è una delle più belle scoperte dell’anno. Fujimoto è la migliore introduzione che potete sperare al poemcore — un genere praticamente locale alla capitale giapponese in cui si recitano haiku su EDM e musica da videogiochi. Non è su Spotify, ma trovate i suoi dischi su Bandcamp: gli EP sono name your price, iniziate da lì.

French Horn Rebellion — Classically Trained

75-og

Robert e David Perlick–Molinari sono fratelli e in arte si fanno chiamare French Horn Rebellion — perché Robert quello suona, il corno. Ma cosa può fare un musicista che suona il corno negli anni Dieci, se non si trova a casa in un’orchestra? Mettere insieme un duo dance funk cattivo cattivo. In Classically Trained ci sono meno corni che nel loro primo LP dell’anno scorso, ma la ribellione continua.

Saint Motel — saintmotelevision

saintmotelevision_cover

Ci sono corni, tanti corni, nel nuovo LP dei Saint Motel. saintmoteltelevision è in qualche modo un punto d’arrivo, per un gruppo che era partito generico quanto si poteva essere generici a fare indie pop nel 2009 — vale a dire: moltissimo — ed è arrivato, dopo la svolta di My Tape, verso un indie prog ballerino che fa fatica a stare insieme ma ascoltateli e poi fateci sapere.

Kero Kero Bonito — Bonito Generation

kkb

Dopo anni di singoli e cazzeggio il trio di j-pop londinese più affetto da ADHD del mondo è riuscito a essere sul pezzo per abbastanza tempo per mettere insieme un disco. Ne è valsa la pena: Bonito Generation è in parti uguali pop-house e manifesto politico, mentre cerca di raccontare una generazione più triste delle ultime decadi, senza lavoro, senza prospettive, nel mondo più allegro e fluorescente di sempre.

Romare — Love Songs Pt. 2

love-songs-part-two-main

Lo studio della musica nera da parte del mago del sampling Romare raggiunge in questo disco una sorta di distillato essenziale, in qualche punto a metà strada fra l’elettronica e l’afrobeat. È voodoo da Boiler Room.

Childish Gambino — “Awaken, My Love!”

awaken_my_love

Decisamente più anni ‘70 la svolta di Childish Gambino, che abbandona il rap per costruire, essenzialmente, un omaggio epico e monumentale alla musica di Parliament-Funkadelic e Sly & the Family Stone. Menzione speciale per la cover art.

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi