Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet.
Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

La presidente sud-coreana Park Geun-hye si è arresa: ha chiesto al Parlamento di gestire la fine del suo mandato. (The Guardian)

L’accusa: aver usato la propria posizione per forzare donazioni verso associazioni non-profit di facciata, che avrebbero poi convogliato il denaro verso suoi conti. Sono coinvolti giganti come Samsung e Hyundai. (IBT)

Tutte le donazioni dovevano avere essere a nome di “Choi.” Choi Soon-sil, sua consigliera, è la figlia di Choi Tae-min, fondatore della Chiesa della Vita Eterna, Yongsaenggyo, una setta religiosa sciamanica. (Korea Times)

Da settimane continuano incessanti le proteste: lo scandalo è scoppiato durante uno snodo particolarmente delicato della situazione economica sud-coreana, e il governo era già stato accusato di aver gestito male la crisi. (Jacobin)

Mondo

Un aeroplano è caduto in Colombia, prima di atterrare a Medellin. A bordo c’erano 72 persone, tra cui la squadra di calcio brasiliana Chapecoense. Potrebbero esserci sopravvissuti. (BBC)

Il governatore del Nord Dakota ha ordinato lo sgombero immediato delle migliaia di persone che stanno protestando contro l’oleodotto Dakota Access. (Reuters)

Myanmar: cosa succede quando improvvisamente milioni di persone hanno, per la prima volta, accesso a internet? È il trionfo degli stickers, poi delle bufale, poi delle leggende metropolitane, poi della propaganda, e quindi di razzismo, e odio contro i musulmani. Il reportage di Sheera Frenkel. (Buzzfeed News)

Anonymous ha dichiarato guerra a Donald Trump durante la campagna elettorale, per poi sparire dopo le elezioni. (VICE News)

Perché serve un riconteggio, anche se probabilmente non servirà a niente, secondo Nate Silver. (FiveThirtyEight)

Quel buco gigante di 30 metri in Giappone non vuole saperne di rimanere tappato. (The Independent)

Italia

Per fortuna c’è Lapo Elkann che ci distrae dalla grettezza della vita. (la Repubblica)

La scommessa di Matteo Renzi: il governo Monti fa ancora così paura agli italiani, che basta il suo spettro a rimetterli in riga, e votare sì. (l’Huffington Post)

La Stampa intervista Gustavo Zagrebelsky — “Fermiamo gli apprendisti stregoni.” (La Stampa)

Ma perché il governo più giovane della Storia d’Italia fa così fatica a parlare con i giovani? (l’Espresso)

M5s: Sospesi i deputati Mannino, Di Vita e Nuti, che non si erano auto-sospesi con l’arrivo dell’avviso di garanzia. (Il Fatto Quotidiano)

Ambiente

L’agenzia internazionale dell’energia ha rilasciato un database interattivo che mostra le politiche ambientali intraprese da ogni paese del mondo, o quasi. (IEA)

Mercoledì 30 la Commissione UE alzerà il target 2030 dell’efficienza energetica al 30%. (Euractiv)

Tesla ha dichiarato di voler sbarcare in Europa con il progetto #Gigafactory2. L’obiettivo è la vendita delle attrezzature per la generazione fai-da-te dell’elettricità. Il primo paese ad aprirgli le porte potrebbe essere il Portogallo. (Linkedin)

Ora è ufficiale, le aree riforestate assorbono la CO2. (The Guardian)

Cult

Sì, Wes Anderson ha diretto uno spot per H&M. Sì, c’è Adrien Brody.

Ma perché regaliamo giocattoli ai bambini, a Natale? (JSTOR Daily)

ArtNet ha stilato una classifica degli artisti europei più importanti, dominano Londra e Berlino. L’Italia non c’è, Cattelan se la sarà presa? (Artribune)

Nel frattempo, in Russia hanno pensato bene di fare uno spettacolo di pattinaggio a tema olocausto. (Vulture)

Altre cose a tema olocausto? Queste simpatiche smoothie vegane con la svastica sull’etichetta. (New York Post)

Un nuovo podcast, dal titolo Asian Oscar Bait, affronta il problema dell’esclusione degli asiatici dal mondo di Hollywood. (iTunes)

Rinunciare alla patente di guida in cambio di ramen a poco prezzo: sì. (The Guardian)

Musica

Pitchfork stila una classifica dei migliori video musicali del 2016. Al primo posto Sorry di Beyoncé.

Mentre gli xx pubblicano il video per il nuovo singolo On Hold.

No more articles

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi