Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet.
Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Mondo

Fonti rivelano alla BBC il piano di Theresa May per la Brexit: non c’è nessun piano. Il governo vuole comunque procedere con l’uscita dall’Unione Europea, ma, insomma, è un problema della Theresa del futuro, secondo Theresa del presente. (BBC)

Non è la settimana migliore per l’Unione Europea. Trump ha risposto all’accoglienza tiepida dei leader europei non rispondendo. Il presidente eletto bypassa l’Europa e parla direttamente con la Russia. (l’Huffington Post)

Il profilo più strano delle elezioni statunitensi: l’elettore di Obama convertito a Trump. Chi sono? Dove vanno? (the Upshot)

Giuliani, il moderato ex-sindaco di New York trasformato in falco trumpista, rischia di diventare segretario di stato. (Reuters)

Come riempire il gap tra chi mangia solo organic-bio-local food e chi non mangia affatto, in America. (Newsweek)

Se pensate che la stampa stia esagerando con l’allarmismo sulla nomina di Bannon a top strategist di Trump, andatevi a leggere il comunicato stampa esultante del Partito Nazista Americano. (CNN)

Infatti, a pochi giorni dall’elezione,  le paure più grandi stanno già diventando realtà. (New Republic)

Tutti i dettagli del nuovo accordo tra Colombia e le FARC. (The Economist)

Facebook dice che sta facendo un sacco fatica a censurare le notizie false condivise sul social network dall’estrema destra: ma le storie di abuso da parte delle vittime della suddetta estrema destra le blocca senza troppe difficoltà. (Slate Future Tense)

Shock per Donald Trump: il lavoro del Presidente degli Stati Uniti è molto più complicato di quanto si aspettasse. (Vox)

Ma cos’avrà capito della democrazia americana? (New Republic)

Il Washington Post avverte: la vittoria di Trump è solo l’inizio di un’ondata populista mondiale. Noi lo chiameremmo tsunami. (The Washington Post)

Italia

Come mai idee come il Ponte sullo Stretto sembrano incapaci di morire, e tornano sempre? Perché sono nel programma politico della ’ndrangheta. 26 arrestati nel contesto dell’operazione Sansone. (il Fatto Quotidiano)

Per la prima volta nella propria vita, Berlusconi scansa le tv, e non si spende nemmeno un po’ per il No, che teoricamente supporta. Sono prove tecniche di avvicinamento al Pd? (l’Huffington Post)

Intanto è arrivato in Italia il Nutella Burger di McDonald’s. (Eater)

Visti dall’estero: secondo Kavitha Surana Renzi è pronto alla trumpizzazione — prima che lo trumpi qualcun altro. (The Cable)

Milano

Più soldati nei luoghi sensibili di Milano – li chiederà Sala ad Alfano, con la fine del Giubileo. (Corriere della Sera)

Intanto mancano i fondi per gli scavi in Duomo, la cui apertura costa ogni giorno più di 11 mila euro. (Corriere della Sera)

Cult

Hayao Miyazaki è di nuovo tornato: il grande autore di animazione giapponese non riesce a trovare pace. (Boing Boing)

Che occasione persa le sigarette elettroniche: le mille possibilità della gamification del tabacco. (Polygon)

I gattini sono animali feroci. Lo dice anche l’Atlantic (e la Nuova Zelanda, e l’Australia). (The Atlantic)

Battersea Power Station: lo storico simbolo di Southbank diventerà il nuovo impero Apple? (Apollo Magazine)

Disney continua con la decostruzione di quello che è un lungometraggio: il film degli Inumani, al cinema nel 2019, non sarà un film, ma i primi due episodi di una serie tv su ABC. (the New York Times)

Musica

Cuff, la casa discografica dance dei francesissimi dj Amine Edge & Dance, si inventa “copertine” d’autore per tutti le proprie release, collaborando con un artista nuovo ogni tre mesi. Almeno il loro è stato un bel 2016. (It’s Nice That)

Pink Floyd – The Early Years 1965-72: tutto quello che è stato (e avrebbe potuto essere) della storica band britannica, in 27 dischi. (The Guardian)

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi