Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet.
Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Mondo

Fonti rivelano alla BBC il piano di Theresa May per la Brexit: non c’è nessun piano. Il governo vuole comunque procedere con l’uscita dall’Unione Europea, ma, insomma, è un problema della Theresa del futuro, secondo Theresa del presente. (BBC)

Non è la settimana migliore per l’Unione Europea. Trump ha risposto all’accoglienza tiepida dei leader europei non rispondendo. Il presidente eletto bypassa l’Europa e parla direttamente con la Russia. (l’Huffington Post)

Il profilo più strano delle elezioni statunitensi: l’elettore di Obama convertito a Trump. Chi sono? Dove vanno? (the Upshot)

Giuliani, il moderato ex-sindaco di New York trasformato in falco trumpista, rischia di diventare segretario di stato. (Reuters)

Come riempire il gap tra chi mangia solo organic-bio-local food e chi non mangia affatto, in America. (Newsweek)

Se pensate che la stampa stia esagerando con l’allarmismo sulla nomina di Bannon a top strategist di Trump, andatevi a leggere il comunicato stampa esultante del Partito Nazista Americano. (CNN)

Infatti, a pochi giorni dall’elezione,  le paure più grandi stanno già diventando realtà. (New Republic)

Tutti i dettagli del nuovo accordo tra Colombia e le FARC. (The Economist)

Facebook dice che sta facendo un sacco fatica a censurare le notizie false condivise sul social network dall’estrema destra: ma le storie di abuso da parte delle vittime della suddetta estrema destra le blocca senza troppe difficoltà. (Slate Future Tense)

Shock per Donald Trump: il lavoro del Presidente degli Stati Uniti è molto più complicato di quanto si aspettasse. (Vox)

Ma cos’avrà capito della democrazia americana? (New Republic)

Il Washington Post avverte: la vittoria di Trump è solo l’inizio di un’ondata populista mondiale. Noi lo chiameremmo tsunami. (The Washington Post)

Italia

Come mai idee come il Ponte sullo Stretto sembrano incapaci di morire, e tornano sempre? Perché sono nel programma politico della ’ndrangheta. 26 arrestati nel contesto dell’operazione Sansone. (il Fatto Quotidiano)

Per la prima volta nella propria vita, Berlusconi scansa le tv, e non si spende nemmeno un po’ per il No, che teoricamente supporta. Sono prove tecniche di avvicinamento al Pd? (l’Huffington Post)

Intanto è arrivato in Italia il Nutella Burger di McDonald’s. (Eater)

Visti dall’estero: secondo Kavitha Surana Renzi è pronto alla trumpizzazione — prima che lo trumpi qualcun altro. (The Cable)

Milano

Più soldati nei luoghi sensibili di Milano – li chiederà Sala ad Alfano, con la fine del Giubileo. (Corriere della Sera)

Intanto mancano i fondi per gli scavi in Duomo, la cui apertura costa ogni giorno più di 11 mila euro. (Corriere della Sera)

Cult

Hayao Miyazaki è di nuovo tornato: il grande autore di animazione giapponese non riesce a trovare pace. (Boing Boing)

Che occasione persa le sigarette elettroniche: le mille possibilità della gamification del tabacco. (Polygon)

I gattini sono animali feroci. Lo dice anche l’Atlantic (e la Nuova Zelanda, e l’Australia). (The Atlantic)

Battersea Power Station: lo storico simbolo di Southbank diventerà il nuovo impero Apple? (Apollo Magazine)

Disney continua con la decostruzione di quello che è un lungometraggio: il film degli Inumani, al cinema nel 2019, non sarà un film, ma i primi due episodi di una serie tv su ABC. (the New York Times)

Musica

Cuff, la casa discografica dance dei francesissimi dj Amine Edge & Dance, si inventa “copertine” d’autore per tutti le proprie release, collaborando con un artista nuovo ogni tre mesi. Almeno il loro è stato un bel 2016. (It’s Nice That)

Pink Floyd – The Early Years 1965-72: tutto quello che è stato (e avrebbe potuto essere) della storica band britannica, in 27 dischi. (The Guardian)

No more articles

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi