cover_reportage

Una settimana nei centri d’accoglienza profughi ad Atene e Salonicco: la quotidianità dei volontari, le vite dei migranti, gli ingranaggi delle politiche d’accoglienza — sono storie di porte chiuse.

Giorno 1

Una giornata nel campo profughi di Kalochori, a ovest di Salonicco

Il campo di Kalochori si trova poco fuori Salonicco nell’area industriale della città. La vita quotidiana procede lenta nel campo profughi, tra corsi di cucito gestiti dai volontari e attività commerciali improvvisate. C’è chi sogna la Germania, e chi vorrebbe tornare in Siria.

Leggi il reportage…

Giorno 2

_dsf7639

Il campo profughi di Vasilika: un modello da seguire

Il campo di Vasilika si trova nell’entroterra, verso il confine con la Calcidica. Ospita circa 1000 profughi curdi e arabi, provenienti per la maggior parte dal campo di EKO station smantellato a giugno.

È un enorme limbo in cui tutti aspettano, sia profughi che volontari. “È la burocratizzazione delle procedure che rallenta gli interventi dell’UNHCR. C’è una falla nella gestione a livello politico, non umanitario,” ci spiega un volontario.

Leggi il reportage…

Giorno 3
_dsf7688

La vita dopo il campo: storia di Nur e Tareq

Abbiamo incontrato Nur e Tareq, una coppia di profughi siriani in attesa di ricollocamento. Vivono a Salonicco in un appartamento fornito dal governo greco.

Tareq racconta che arrivato a Salonicco è stato inserito nel campo di Oreokastro, dove le condizioni sono disastrose. “Di fronte al campo c’è una strada molto grande e le macchine passano velocissime: settimana scorsa hanno investito e ucciso una mamma e un bambino, senza fermarsi.”

Leggi la storia…
fera_vittorio

Vittorio Fera e Francesco Esposito: l’importanza della solidarietà

Vittorio Fera è un ragazzo di trentatré anni cresciuto in Brianza. Oggi è volontario in Grecia per Speranza — Hope for Children. Francesco Esposito, di Tilt, lo ha raggiunto per assistere l’associazione.

Il campo è una sorta di simulacro di città dove non c’è la possibilità di avere un lavoro, dei sogni, delle aspirazioni — tutto resta ancorato alla speranza nella liberazione della Palestina, o di poter scappare all’estero e avere una nuova opportunità di vita.

Leggi l’intervista…

Giorno 4
_dsf7752

Dopo il campo di Ritsona: storia di Mohammed e Maysam

Il governo greco insieme a UNHCR, l’Alto Comissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ospita famiglie vulnerabili di profughi in appartamenti liberi sparsi sul territorio.

“Non c’è niente vicino al campo, abbiamo vissuto cinque mesi nelle tende, faceva molto freddo e c’erano tanti serpenti.”

Leggi la storia…

Giorno 5
_dsf7712

Grecia: profughi costretti a prostituirsi per sopravvivere

Prostituirsi per sopravvivere. Questo è quello che succede in Grecia, a poca distanza dall’Italia.

Leggi il reportage…

Giorno 6
_dsf7797

Atene anarchica — La polizia non entra a Exarchia

Exarchia è un quartiere di Atene considerato zona franca per i centri sociali. Al suo interno vivono numerose realtà di assistenza ai profughi — una alternativa ai campi militari.

_dsf7711“È un quartiere pericoloso dove la polizia non entra,” ci racconta un ragazzo locale.

Leggi il reportage…

Giorno 7
_dsf7738Le periferie di Atene non possono rispondere all’emergenza rifugiati

A 30 chilometri da Atene, nella periferia sud, è stato costruito nel 2001 il nuovo villaggio olimpico della capitale che oggi ospita circa 600 profughi.

Molte famiglie non credono più alle promesse e l’attesa sta diventando deleteria: per quanto possano essere assistiti all’interno dei campi gran parte di loro sta decidendo di tornare indietro.

Presto inizieranno a riprendere contatti con gli smuggler che li hanno portati in Grecia e li pagheranno per ritraghettarli verso l’inferno, perché quello che hanno raggiunto non è di certo il paradiso, ma un limbo di eterna attesa.

 

Leggi il reportage…

No more articles

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi